Ari. Consigliere si porta a casa le delibere: il consiglio si blocca

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1873



ARI. Può un consigliere (in questo caso di opposizione) portarsi a casa atti originali del Comune, come le delibere, e tenerseli senza dire niente e senza autorizzazioni?
E' capitato ad Ari, dove alla fine il sindaco ha denunciato il fatto ai carabinieri: la “sottrazione” di questi documenti, che erano stati preparati in vista del consiglio comunale, ha impedito agli altri consiglieri di consultarli.
Il che, come un domino, ha provocato l'impossibilità di votare alcuni punti all'odg da parte del vice sindaco.
La caccia ai documenti e al consigliere sbadato è avvenuta il 28 settembre scorso quando il segretario comunale si è accorto che dal Comune erano sparite le delibere, che altri avevano richiesto in visione in vista del Consiglio del giorno dopo.
Cerca di qua, cerca di la, dopo alcune ore il consigliere “è stato avvistato” nei locali del Comune ed ha candidamene ammesso di essersi portato a casa i documenti, forse per una consultazione più approfondita.
Il sindaco non ha gradito ed presentato denuncia-querela ai Carabinieri di Villamagna che già erano stati chiamati a risolvere il giallo della sparizione dei documenti.

07/10/2009 7.42