Provincia di Chieti: riequilibrio di bilancio da 7,6 mln

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1011

CHIETI. Nella seduta di ieri del Consiglio provinciale, le assise hanno approvato a maggioranza (18 voti favorevoli, 7 contrari) le delibere relative al riconoscimento dei debiti di fuori bilancio, alle variazioni di bilancio e al riequilibrio della gestione finanziaria.

Nel complesso, l'amministrazione ha fornito copertura finanziaria a 7.683.000 euro di debiti, di cui 1.696.696 relativi a debiti fuori bilancio ed accantonamenti per debiti certificati, ma per i quali saranno avviate le procedure per stabilirne le responsabilità.
«Con queste delibere – ha spiegato il presidente, Enrico Di Giuseppantonio – abbiamo avviato concretamente il risanamento della Provincia, intraprendendo un percorso di sacrifici e di rigore, che durerà non meno di due anni, per tornare a fare di nuovo una grande Provincia: il voto di oggi è stato il culmine di un lavoro che abbiamo portato avanti sin dal giorno del nostro insediamento. Un'opera dura e spesso silenziosa, che sta portando i primi frutti: riorganizzazione di una macchina amministrativa farraginosa, censimento degli immobili provinciali, ridefinizione per rendere migliore la fruizione dei servizi da parte del cittadino e degli utenti, lotta agli sprechi degli uffici. Un percorso che condivideremo con il personale e i sindacati».
«Con le decisioni assunte oggi – ha aggiunto l'assessore al Bilancio, Alessio Monaco – abbiamo responsabilmente garantito la copertura economica a capitoli di bilancio essenziali per la vita dell'ente, come il pagamento delle utenze di tutti gli uffici e gli istituti scolastici, e ad aspetti fondamentali del nostro programma amministrativo, come l'abbattimento degli interessi per le aziende e il rimborso ai Comuni per il trasporto degli studenti disabili».

Il capogruppo del Pdl, Paolo Sisti, è soddisfatto.
«Ancora una volta», dice, «la maggioranza di centrodestra che governa la Provincia, dimostra il suo senso di responsabilità e la sua cultura di governo: con il riconoscimento dei debiti fuori bilancio e il riequilibrio della gestione finanziaria approvato oggi, abbiamo spazzato via le macerie lasciateci dalla precedente amministrazione e ci siamo assunti l'onere di riparare la scellerata gestione della giunta Coletti. Ci stupisce il fatto che il centrosinistra abbia votato contro delle delibere che gli stessi revisori dei conti nominati dalla precedente amministrazione hanno approvato, riconoscendo la sussistenza di debiti contratti dalla giunta Coletti. Questo è il nostro modo di agire, da amministratori saggi della cosa pubblica».

01/10/2009 8.11