Diritti e libertà degli omosessuali, domani il matrimonio gay a Pineto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2912

PINETO. Domani a Pineto si terrà l'iniziativa “Happy gay day”, la giornata dedicata alla comunità Lgbt (lesbiche, gay, bisex e transessuali).
Nel primo pomeriggio nello stabilimento balneare Marco Polo sul lungomare di Pineto ci sarà la celebrazione simbolica di alcuni matrimoni gay: convoleranno a nozze tre coppie di uomini, una di drag trans e una di etero.
La funzione si effettuerà con il rito «Consoli», ideato dal celebre scrittore e giornalista Massimo Consoli.
Secondo gli organizzatori sarà una grande festa, ma anche un modo e un'occasione per riflettere e discutere.
Parteciperà all'evento anche Rifondazione Comunista: «è un importante momento di confronto e partecipazione per parlare dei diritti di genere che in Italia troppo spesso vengono oscurati», hanno detto da Rc.
«Noi come sempre parteciperemo ignorando i gruppi di facinorosi, ma non possiamo non analizzare il momento delicato che stiamo vivendo e chiediamo a tutta la sinistra di abbandonare i ricatti delle religioni e sostenere una svolta nella politica di molti comuni del teramano», continua Marco Palermo, portavoce provinciale dei Giovani Comunisti.
Da Rifondazione viene rilanciato anche il progetto del registro delle unioni civili.
Parteciperanno alla manifestazione anche i Verdi, preoccupati per la contro manifestazioni organizzata dall'estrema destra.
«Rispondo a quelle rappresentanze di destra che definiscono malattia l'omosessualità», commenta il consigliere regionale Walter Caporale, «che sono malate le persone che hanno pregiudizi, discriminano e esercitano atti omofobici. Le fobie sono malattie, non l'omosessualità».
Caporale invita tutti i politici, gli abruzzesi a partecipare alla manifestazione Happy Gay «che ha l'unico scopo di promuovere il riconoscimento delle Unioni Civili siano esse etero che omosessuali. Il 30% delle coppie oggi in Europa è composto da persone non sposate – già riconosciute in tutti i Paesi dell'Unione Europea – tranne Italia, Grecia e alcuni Paesi dell'Est».

25/09/2009 15.18