«Un Comune più snello». Incontro con i sindacati per la nuova macrostruttura

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1543

PESCARA. La nuova macrostruttura del personale comunale sarà uno strumento «più agile, snello, semplificato», che consentirà di svolgere un’azione di controllo sul lavoro degli uffici, a partire dall’Urbanistica contrattata.



Lo ha annunciato l'assessore al Personale del Comune di Pescara Marcello Antonelli parlando dell'incontro svoltosi nella tarda serata di ieri, convocato dal Direttore Generale Stefano Ilari, alla presenza di tutte le sigle sindacali e delle Rsu.
Ieri sera il Comune ha presentato la bozza ai sindacati per la prima volta, la prossima settimana ci sarà il secondo incontro di condivisione della proposta.
«Contiamo di approvare la delibera in giunta entro la prima decade di ottobre», ha detto Antonelli, «per renderla operativa prima della fine di novembre».
Ai sindacati il Comune ha illustrato la filosofia generale che ha determinato la composizione della nuova macrostruttura: «abbiamo la necessità di semplificare il più possibile l'organizzazione della macchina comunale», ha spiegato l'assessore, «a partire dall'assetto del personale, renderla più flessibile, nell'ottica dei tre principi ai quali occorre adeguare il funzionamento dell'Ente, ossia il territorio, i cittadini e i servizi. Dobbiamo tener ben presente le diverse esigenze del territorio, estremamente diversificate da nord a sud, da est a ovest; dobbiamo considerare le necessità dei cittadini che usufruiscono dei servizi e garantire l'efficienza degli strumenti erogati dall'amministrazione».
Il primo passo sarà sbloccare le progressioni orizzontali del personale, rimaste ferme dal 2008, «e a tal proposito – ha ancora detto l'assessore Antonelli – ieri mattina sono partite le lettere indirizzate ai vari settori del Comune con allegate le schede di valutazione di ciascun dipendente, schede che andranno riconsegnate entro il 31 ottobre per consentire l'attribuzione dei fondi per garantire le stesse progressioni. Un ruolo importante nel processo di snellimento di una macrostruttura oggi ‘ingessata' sarà svolto dalla Direzione generale del Comune che diverrà il ‘traduttore' delle volontà dell'amministrazione».
Infine la nuova macrostruttura dovrà consentire di effettuare un controllo costante delle attività finanziarie, organizzative e realizzative dell'amministrazione: «massima attenzione dovremo assicurare al costante monitoraggio della realizzazione delle opere pubbliche nell'ambito dell'urbanistica contrattata, su cui non è mai stato esercitato un controllo. La nostra grande innovazione sarà mettere il Comune nella condizione di fare un assestamento di bilancio ogni giorno, dunque conoscere quotidianamente lo stato delle finanze, le entrate e le uscite».
25/09/2009 11.23