«Da Pescara a Roma contro le stragi di Stato»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1171

PESCARA. Partirà anche da Pescara una delegazione per partecipare alla manifestazione di sabato prossimo organizzata da Salvatore Borsellino a sostegno dei magistrati che indagano sulle stragi del 1992 1993.



«Sarà una manifestazione per la legalità nelle istituzioni, contro l'illegalità diffusa e la deriva socio-culturale del nostro paese ormai allo sbando», spiega Gianluca Vacca dell'associazione Pescara in Comune.
«Come dice Salvatore sarà l'occasione per gridare all'Italia la parola Resistenza, parola carica di significato che oggi, pur con sfumature diverse da 60 anni fa, deve animare l'impegno civile di noi cittadini che non ci arrendiamo a questo stato di cose».
L'appuntamento per chi parte da Pescara è per le ore 10,30 a piazza della Repubblica (stazione vecchia). «Chi avesse bisogno di un passaggio in macchina può comunicarcelo», dice Vacca, «chi invece può mettere a disposizione la sua macchina me lo comunichi in tempo, in modo da poterci organizzare».
Si sta organizzando anche uno striscione con la scritta “Contro le stragi di Stato Pescara presente” senza simboli o nomi di alcunché, come vuole Salvatore Borsellino.
Se altri vorranno portare scritte o striscioni ovviamente sono liberi di farlo, purché senza alcun simbolo o bandiera.
Ad oggi, fanno sapere gli organizzatori, sono 1500 le sole adesioni raccolte su Facebook per la manifestazione e che si uniranno ai residenti di Roma e dintorni.
Il percorso prevede il raduno a partire dalle ore 14 in piazza Bocca della Verità dove partirà il corteo delle "agende rosse".
«Sarà una grande occasione», spiegano ancora gli organizzatori, «per manifestare la nostra rabbia e la nostra opposizione dura e determinata verso le manovre già iniziate per fermare ancora una volta la giustizia e impedire che emerga la verità sulle stragi del '92 e del '93 che stanno alla base dell'attuale sistema di potere».
La manifestazione di sabato, ha spiegato Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo Borsellino, «sarà la continuazione ideale di quella che abbiamo fatto il 20 luglio davanti al palazzo di Giustizia in sostegno di quei magistrati che, a rischio della propria vita, stanno combattendo per arrivare alla Verità sulle stragi del '92 e del '93 è il 26 settembre».
Per informazioni gianlucavacca@tin.it o 3491187863.

22/09/2009 9.36