Avvicendamento alla Caripe: via Mancini arriva Invernizzi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3166

PESCARA. La nuova giunta comunale di centrodestra promette «vicinanza» all’istituto bancario cittadino, la Caripe, che da qualche giorno ha cambiato la sua guida.


Una linea che non si discosta da quella della passata esperienza della amministrazione D'Alfonso che aveva costruito rapporti strettissimi sia con la banca che con la sua fondazione, finaziatrice di moltissime opere cittadine, alcune contestate.
Ieri il sindaco Luigi Albore Mascia ha ricevuto la visita istituzionale del nuovo Direttore della Cassa di Risparmio di Pescara, Oreste Invernizzi, accompagnato dal Direttore uscente Dario Mancini e dal presidente Tonino di Berardino.

«Una chiacchierata informale nel corso della quale ho avuto modo di esprimere il ringraziamento della città al dottor Mancini – ha proseguito il sindaco Albore Mascia – il quale ha saputo guidare la Caripe verso un percorso di radicamento sul territorio, avvicinando gli utenti a un mondo spesso lontano. A Mancini va il nostro augurio di buon lavoro per il nuovo incarico assunto. Con il nuovo Direttore Invernizzi intendiamo aprire uno stretto rapporto di confronto e collaborazione, soprattutto ricordando che la Caripe è anche la tesoreria del Comune di Pescara il quale ha progetti ambiziosi e di assoluto rilievo per garantire cinque anni di crescita e sviluppo a tutto il territorio cittadino».
E si pensa già al futuro forse con un occhio al passato dal quale si potrà imparare.
«Pensiamo alle grandi opere, ai grandi eventi che il capoluogo adriatico ha dimostrato di saper ospitare», ha proseguito Mascia, «pensiamo alle grandi infrastrutture, che sono purtroppo mancate negli ultimi sei anni, a quelle infrastrutture che sole sono in grado di consentire alla città di volare alto, di crescere, di incrementare sviluppo economico, occupazione, produttività del territorio. Siamo certi che la Caripe sarà pronta ad affiancare l'amministrazione comunale nei propri propositi che, in cinque anni, dovranno cambiare il volto di una città che abbiamo ereditato ‘congelata'».

09/09/2009 9.07