Imprenditore vittima di ladro seriale, 11 furti in un mese

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1278

CAMPLI. E' stato preso di mira da un ladro "seriale" che ogni volta riesce a portargli via dai 500 ai 2.000 euro.



Così in meno di un mese ha subito 11 furti con scasso, di cui sei solo nell'ultima settimana. Manomissioni e monete asportate dalle macchinette di distruzione di snack e bevande installate nelle aziende private si sono trasformate in un danno economico che va da 500 a 2.000 euro circa. Ora Bruno Cardelli titolare della Gedica Srl di Campli si e' improvvisato vigilantes e gira nei locali in cui sono installati i suoi distributori.
Dovrà licenziare un suo dipendente, padre di famiglia, per i minori guadagni e i danni subiti.
«Ho fatto la prima denuncia il 13 agosto stesso presso la caserma di Teramo con tanto di prove filmate tramite telecamera di sorveglianza, senza però risolvere la situazione. Vedendo che i furti crescevano di frequenza e di intensità dice l'imprenditore - ho sporto altre sei denunce documentate e le autorità hanno assicurato che la persona era stata identificata grazie ai filmati e che presto l'avrebbero fermata. Niente invece e' accaduto - dichiara Cardelli. Il malvivente, che nelle prime riprese video appariva coperto da un casco ora si sente talmente sicuro da forzare e saccheggiare i miei distributori a viso scoperto come ho notato nelle ultime riprese video. La mia azienda - prosegue sta perdendo giornalmente capitali e sta riportando ingenti danni anche alle macchine distributrici. Gli ultimi quattro furti non li ho denunciati, visto che non c'e' modo di fermare quel malvivente già identificato. Temo che dovrò farmi giustizia da solo».
Di sera, ha raccontato l'uomo, «mi aggiro nelle zone in cui sono posizionati i miei distributori, visto che non c'e' altro modo per tutelarmi. A breve sarò costretto anche a licenziare del personale visto che l'unico consiglio che ho ricevuto e' stato quello togliere le macchine dai posti più a rischio per risolvere il problema in modo definitivo. La situazione e' ormai divenuta paradossale».

08/09/2009 8.08