Arrestata coppia di spacciatori, 300 grammi di eroina in macchina

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1382

CAPPELLE SUL TAVO. Arrestata ieri sera intorno alle 22 una coppia di etnia rom.


I due, colti in flagranza di reato, hanno tentato una breve fuga per disfarsi della droga, 300 grammi di eroina, ma i militari hanno recuperato la droga dopo l'inseguimento, che se venduta sul mercato avrebbe un valore di 24.000 euro.
L'azione congiunta ha visto come protagonisti i Carabinieri della stazione di Pescara.
I coniugi arrestati, Costantino Morelli di 35 anni e Sabina Di Rocco di 39, erano da tempo seguiti dagli uomini dell'Arma, in quanto pregiudicati e già noti come dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti.
I due sono stati notati mentre, a bordo di una vettura di piccola cilindrata guidata da Morelli, si allontanavano dalla propria abitazione.
I Carabinieri, che erano appostati in prossimità della casa, hanno intimato l'alt all'uomo, che però in una rocambolesca manovra in retromarcia ha tentato di sottrarsi al controllo percorrendo a tutta velocità via Umberto a Cappelle.
Durante la manovra la donna ha gettato dal finestrino il voluminoso involucro dove è stata ritrovata la droga, ma per i coniugi la fuga non è durata molto, ed anche il piano di disfarsi dell'eroina non è riuscito.
«Gli arresti eseguiti – dichiara il comandante Francesco Carleo - sono il frutto della costante attività di monitoraggio ed osservazione da parte dei militari della Compagnia Carabinieri di Pescara nei confronti delle famiglie di etnia Rom e degli spacciatori, non solo nei quartieri “a rischio”, ma anche nelle zone periferiche che in genere ricevono meno attenzione da parte delle Forze dell'ordine».
Gli arrestati, svolte le formalità di rito, sono stati portati in carcere, uno a Pescara e l'altro a Chieti, a disposizione dell'autorità giudiziaria.

29/07/2009 11.04