La Selex annuncia un nuovo stabilimento all’Aquila

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1651

L’AQUILA. Un nuovo stabilimento di 7 mila metri quadri all’Aquila e il riassorbimento progressivo di tutte le unità attualmente dislocate in altri siti.


Selex Comunications, azienda del gruppo Finmeccanica, ha annunciato ieri, nel corso di una conferenza stampa, la volontà di continuare ad investire sul territorio aquilano.
Alla conferenza hanno preso parte l'amministratore delegato di Selex Comunications, ingegner Giancarlo Grasso, e il sindaco dell'Aquila Massimo Cialente.
L'ingegner Grasso ha annunciato che la settimana scorsa è stato riaperto il presidio aquilano, in una struttura contigua allo stabilimento di Campo di Pile, dove sono rientrati, per ora, i primi 40 lavoratori. Progressivamente, da settembre alla fine dell'autunno, verranno però riassorbite tutte le 150 unità.
Il nuovo stabilimento, che riunirà Thales Alenia Space (67 per cento Thales, 33 per cento Finmeccanica) e la stessa Selex Comunications, occuperà in totale una superficie di circa 42mila metri quadri, di cui 7 mila per Selex Comunications, 30mila per Thales Alenia e 4mila e 400 di aree comuni.
Due le ipotesi di localizzazione, entrambe nella zona industriale di Pile. I lavori inizieranno, secondo quanto dichiarato dall'amministratore delegato Grasso, a fine anno e andranno avanti per 18 mesi.
L'ingegner Grasso ha sottolineato che la nuova struttura sarà più grande della precedente, che occupava poco più di 5mila metri quadri, dal momento che l'azienda fa una previsione di crescita del 20 per cento. Selex Comunications costituirà inoltre all'Aquila un centro per la ricerca nel campo delle comunicazioni.
«Oggi – ha dichiarato in conferenza stampa il sindaco Cialente - sono 118 giorni dal sisma e ci troviamo ad annunciare un'iniziativa fondamentale per il settore occupazionale e di sviluppo. Un'iniziativa che riguarda una realtà, come Selex Comunications, con un ruolo di primo piano nel progetto strategico di sviluppo della città, al pari di Thales Alenia Space. Vorrei sottolineare – ha proseguito Cialente- che Selex Comunications e Thales Alenia sono stati tra i primi a manifestare la volontà di non abbandonare il territorio nei momenti drammatici seguiti al 6 aprile. Abbiamo fatto riunioni operative, coordinate dal Prefetto, il cui apporto è stato fondamentale, nel piazzale della scuola sottufficiali della Guardia di Finanza a Coppito, perché non avevamo altro posto dove vederci, e fin da subito abbiamo lavorato per il progressivo rientro di tutti i lavoratori aquilani in città».
«Ringrazio ancora una volta tutti i dipendenti costretti a fare i pendolari», ha aggiunto, «grazie al cui sacrificio si è salvata la vocazione del territorio aquilano nel settore della tecnologia avanzata e delle ricerca. A questo punto – ha concluso Cialente – Selex deve solo sciogliere la riserva sul sito. Il Comune risponderà in 60 secondi, quanti me ne occorrono per apporre le sei firme necessarie sulla documentazione».

29/07/2009 8.36