Casa di riposo: lavori fermi. Acerbo: «Fare chiarezza».

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

839

PESCARA. In una interrogazione al sindaco Albore Mascia, questa mattina il consigliere Maurizio Acerbo ha chiesto di fare chiarezza sulla casa di riposo di via Arapietra, chiusa nel 2004 per lavori di ristrutturazione, a quanto pare dal degrado mai partiti.


«Ritengo che la riapertura di una così importante struttura debba essere una priorità per l'amministrazione comunale», ha dichiarato Acerbo, «ma come ho potuto accertare durante un sopralluogo svolto ieri, con alcuni residenti della zona, il cantiere è in stato di completo abbandono».
Il consigliere di Rifondazione comunista avrebbe appreso dai cittadini che da tempo non si vedono operai al lavoro, mentre «pare che spesso estranei portino via materiali di ogni genere».
Nell'interrogazione presentata al sindaco Mascia, «a cui certamente non si può addebitare la situazione ereditata», Acerbo chiede di chiarire le ragioni del blocco dei lavori, ma anche di capire cosa si intenda in Comune con l'espressione “lavori mai avviati”, «visto che saremmo ormai al terzo lotto dei lavori, che sarebbe cominciato il 28 ottobre 2008 e da concludersi entro 120 giorni, ampiamente superati», nonostante tracce di lavori effettuati non se ne vedano.
Altro capitolo interessante nell'interrogazione di Acerbo è il voler sapere quanto sia stato speso finora per la “riqualificazione”, e se vi siano risorse già stanziate per ultimarla.
Non da meno, si vorrebbe far chiarezza su quanto sia costato al Comune il trasferimento degli anziani in altre strutture private.
Adesso toccherà al neosindaco Mascia dare una risposta a tutti questi interrogativi, e soprattutto indicare cosa abbia intenzione di fare ora la Giunta, ed in quanto tempo la struttura potrà tornare ad essere fruibile dai cittadini.

s.t. 21/07/2009 10.39