Mastromauro, è già polemica sull’uso dell’auto del Comune

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

681

GIULIANOVA. In un’interrogazione presentata al Comune di Giulianova, il consigliere Roberto Ciccocelli della lista “Al Centro della Città” denuncia l’uso che il nuovo sindaco della città, Francesco Mastromauro, fa dell’auto di rappresentanza.


I fatti contestati risalgono al 2 luglio scorso, quando nel comune di Tortoreto, a Contrada Vascello, si è tenuto il convegno provinciale dell'Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili) cui ha partecipato, fra gli altri, anche il neo-sindaco di Giulianova.
«Per la trasferta di poco più di 5km – denuncia il consigliere Ciccocelli – l'avvocato Mastromauro ha utilizzato la vettura di rappresentanza dell'Ente con autista al seguito, quando per la medesima trasferta molti altri sindaci, anche con distanze superiori da coprire, hanno preferito utilizzare mezzi privati».
Inoltre non risulterebbe nella pianta organica dell'Ente «che tale ruolo di autista sia ricoperto da qualsivoglia dipendente, tenuto conto che l'allora sindaco Claudio Ruffini, al fine di non gravare sul bilancio del Comune, provvedeva personalmente alla guida del mezzo».
Ma non è solo l'uso dell'autovettura comunale ad aver indispettito il consigliere, perché alla riunione provinciale «il sindaco di Giulianova – si legge nell'interrogazione – che avrebbe dovuto rappresentare tutti i cittadini giuliesi, dopo aver rilasciato alcune dichiarazioni a delle emittenti televisive, ha pensato bene di lasciare il convegno, fino al punto di essere stato chiamato più volte a prendere parola al tavolo dei relatori, risultando poi assente mettendo alla berlina un'intera città».
A seguito di quanto accaduto, Roberto Ciccotelli chiede al consiglio di «sapere in base a quale regolamento sia utilizzata l'auto di rappresentanza con impiego indebito di autista, e se il sindaco, che pare abbia in questi primi giorni di mandato fatto uso dell'autoveicolo, non ritenga opportuno contenere costi superflui utili solo a soddisfare ragioni di vanità».

s.t. 07/07/2009 10.50