Giochi Mediterraneo, 4 atleti tunisini fuggiti dal Villaggio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2872

CHIETI. I Giochi del Mediterraneo come opportunità per svoltare, per cambiare vita. Sì, ma non per i successi ottenuti sul campo, magari con una medaglia al collo da sfoggiare una volta tornati a casa.

Chissà se l'avevano pensata proprio in questi termini i quattro atleti tunisini che, arrivati in Abruzzo per la manifestazione sportiva, hanno poi tagliato la corda.
Si sono perse le loro tracce. Spariti, volatilizzati.
Invece di far rientro in patria con la propria delegazione hanno abbandonato i compagni di squadra e optato per una fuga.
A gambe levate per l'ultima sfida, quella più pericolosa. A raccontare le loro storie sono stati alcuni quotidiani tunisini. Il primo allarme è stato lanciato da il “Quotidien”  di Tunisi che ha raccontato la vicenda di un ciclista di cui però non è stata svelata l'identità.
Proprio il giornale straniero racconta di questa incredibile fuga dove il traguardo non è stato mai tagliato, perché l'atleta ha preferito “tagliare la corda”.
Prima di partire, si legge ancora, avrebbe preso anche soldi ai compagni di delegazione.
Poca roba, pare, e anche qualche oggetto prezioso, magari con la speranza di riuscire a ricavarci qualcosa.
Sta di fatto che al Villaggio mediterraneo non se ne è saputo più nulla.
Dopo la sua scomparsa altri hanno seguito l'esempio a ruota: anche di questi tre non vengono fornite le generalità ma a parlarne è stato il settimanale Tunis Hebdo.
A rendersi irreperibili, e quindi entrati in clandestinita', sono questa volte un sollevatore di pesi, un lottatore di greco-romana ed un componente la squadra di atletica.
A loro i Giochi potrebbero proprio aver cambiato vita.

06/07/2009 12.36