Chiesto il processo per il sindaco Cordoma per tentata concussione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2749



PESCARA. Il pm del tribunale di Pescara, Gennaro Varone, ha presentato la richiesta di rinvio a giudizio per il sindaco di Montesilvano (Pescara), Pasquale Cordoma, che deve rispondere di tentata concussione in concorso con altre tre persone nell'ambito della prima tranche dell'inchiesta relativa all'Azienda speciale per i servizi sociali (ex 'Debora Ferrigno') di Montesilvano.
Oltre a Cordoma sono coinvolti l'ex direttore dell'Azienda speciale, Nicola Grimaldi, Paola Sardella, presidente del cda dell'Azienda speciale, e lo psicologo, Giuseppe Rasetti.
In particolare per l'accusa Grimaldi avrebbe cercato di costringere una psicologa assunta nell'Azienda a tempo determinato a lasciare il proprio incarico o ad accettare un cambio di mansione. Tutto questo, sempre secondo l'accusa, per fare posto ad un altro psicologo, vicino ai vertici del Comune. Ora tocca al gup fissare la data dell'udienza preliminare. La parte dell'inchiesta sulle assunzioni dirette all'Azienda speciale per i servizi sociali e' stata invece stralciata.
26/06/2009 15.44