Il sindaco Brucchi: «creato un tavolo di lavoro per completare il Lotto Zero»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1143

TERAMO. Completare, dopo decenni di attesa, i lavori della strada del Lotto Zero. È questo l'obiettivo, sottolineato a più riprese durante l'ultima campagna elettorale, del sindaco di Teramo Maurizio Brucchi.

Come primo passo negli ultimi giorni è stato istituito un tavolo di lavoro tra il comune teramano e l'Anas.
Il primo cittadino di Teramo, dopo il primo incontro di qualche giorno fa, ha nuovamente incontrato Valerio Mele, capo dipartimento Abruzzo dell'Anas. Il tavolo tecnico-politico appena creato avrà il compito, fanno sapere le parti, di seguire passo passo la gradualità dei lavori di completamento della strada.
L'obiettivo è quello di garantire una «vigilanza rigida» che possa assicurare il costante monitoraggio delle operazioni, con la possibilità di interventi di correzione nel caso dovessero sorgere improvvise problematiche.
Il tavolo è composto da Mele e dai suoi collaboratori in seno all'Anas, il sindaco di Teramo Bruchi, l'assessore Giorgio Di Giovangiacomo e Osvaldo Mattei, dirigenti ai Lavori Pubblici.
«Il completamento del Lotto Zero è tra le priorità dell'amministrazione comunale di Teramo» – spiega il sindaco, Maurizio Brucchi – «dopo l'impulso decisivo ai lavori dato dall'ex primo cittadino, Gianni Chiodi, ora io assumo con decisione la gestione della vicenda. L'obiettivo è quello di arrivare alla fine dei lavori della strada. La stessa attesa da decenni dall'intera comunità teramana. Ho incontrato diverse volte l'ingegner Mele per conoscere nel dettaglio le problematiche che causano i frequenti ritardi nell'avanzamento dei lavori».
Sul progetto del Lotto Zero prosegue il primo cittadino: «è un passaggio decisivo che ho proposto alla dirigenza dell'Anas. Questa ha immediatamente accolto la mia proposta. D'ora in poi i lavori del Lotto Zero saranno seguiti da vicino e saranno affrontate con immediatezza tutte le problematiche relative al completamento dell'opera. La città non può più tollerare ritardi anche in vista dell'attuazione del programma più generale della viabilità».
«Quest'ultimo» – conclude Brucchi – «prevede interventi significativi volti a favorire un traffico maggiormente adeguato alle esigenze dei cittadini e di chi raggiunge da fuori la città di Teramo».

26/06/2009 10.59