Montesilvano. D'Ignazio (Pd) critica la giunta per le commissioni consiliari

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

701

MONTESILVANO. Il vice-capogruppo del Partito Democratico di Montesilvano, Feliciano D'Ignazio, critica la continua mancata convocazione da parte della giunta delle commissioni consiliari.


«Si assiste da diverso tempo», racconta D'Ignazio, «all'incapacità del governo della città ed in particolare delle commissioni consiliari di garantire e svolgere una giusta azione di governo per la città di Montesilvano. Negli ultimi mesi le commissioni consiliari non vengono più convocate perché, a detta degli uomini di maggioranza, non vi sono argomenti di discussione da portare poi all'analisi del consiglio comunale».
Emblematico, secondo D'Ignazio, è il caso della commissione per le Politiche Giovanili, che da oltre un anno non ha responsabile dopo le dimissioni del presidente Catone: «la maggioranza dopo tutto questo tempo non ha ancora trovato il successore. Per evitare figuracce in commissione la stessa non viene più convocata da quasi un anno. Il centrodestra tra l'altro, per soddisfare i propri interessi, ha già fagocitato diversi consiglieri comunali di maggioranza di turno come Catone. Il tutto in barba ai proclami elettorali incentrati su unità, trasparenza ed efficienza amministrativa».
Non certo esenti da critiche le commissioni relative a Opportunità, Cultura e Sanità: «i presidenti risultano essere assenti dall'azione amministrativa di governo anche se sarebbero numerosi gli argomenti da affrontare. Prova dell'inefficienza della commissione è la settimana della cultura organizzata al borgo storico della città e certo non programmata dalla relativa commissione di riferimento. Anche la commissione sanità è latente da diversi mesi».
«Un discorso a parte invece merita la commissione di commercio e turismo» – attacca il vice capogruppo del Partito Democratico – «che inoperante da diversi mesi non ha saputo organizzare argomenti riguardanti il turismo nella nostra città. Risulta essere laconica e deficitaria l'attività del presidente Tocco che non ha mai dato prova di efficienza del settore turismo con proposte ed iniziative necessarie a migliorare la ricettività e l'offerta turistica a Montesilvano. Fino ad ora ci si è limitati solo ad analizzare i flussi degli arrivi in città».
«Tutto ciò dimostra ancora una volta» – conclude Feliciano D'Ignazio – «l'immobilismo dell'amministrazione di centrodestra. Non è possibile, in una città di 50mila abitanti, non riunire le numerose commissione consiliari per mancanza di argomenti da portare in discussione».

11/06/2009 11.23