Acquedotto Giardino. 3mln di euro per nuova condotta a Bussi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1198

BUSSI SUL TIRINO. Hanno preso il via stamane i lavori per la realizzazione della nuova condotta idrica, lunga circa un chilometro, nel comune di Bussi sul Tirino.

L'opera secondo l'Aca permetterà all'acquedotto Giardino di convogliare circa 100 litri di acqua in più al secondo verso tutta la Val Pescara fino al capoluogo adriatico.
L'intervento, promosso dal commissario straordinario del bacino Aterno-Pescara Adriano Goio, fa parte di un progetto più ampio –ha spiegato sempre l'Aca- che comprende anche la realizzazione dei nuovi tre pozzi in località Bussi sul Tirino, in fase di ultimazione e appaltati dall'Aca, e la costruzione della nuova condotta dell'acquedotto Tirino lunga due chilometri, quasi terminata.
Le opere, con un costo complessivo di circa 3 milioni di euro, sono state finanziate dall'Azienda Acquedottistica di Pescara e dai fondi stanziati per il commissario Goio. La realizzazione della nuova condotta, i cui lavori saranno supervisionati dal Direttore tecnico dell'Aca, l'ingegner Lorenzo Livello in qualità di direttore dei lavori, incrementerà la distribuzione idrica in tutta la Val Pescara di circa 100 litri al secondo in più.
«Ciò significa che», ha spiegato la direzione dell'Aca, «in determinati periodi dell'anno, quando la portata delle sorgenti aumenta in maniera considerevole, sarà possibile disattivare alcuni dei pozzi oggi operativi a Bussi sul Tirino, consentendo, così un importante risparmio energetico».
I lavori, che secondo le previsioni dovrebbero durare circa due settimane, verranno realizzati senza interrompere la normale erogazione idrica nei comuni riforniti dall'acquedotto Giardino.
«Subito dopo la realizzazione della nuova condotta – ha ancora aggiunto la Direzione dell'Azienda Acquedottistica di Pescara - si procederà a effettuare gli allacci e successivamente si passerà al lavaggio della stessa tubatura. Quindi inizieranno i prelievi di acqua potabile sia da parte della Asl che dell'Aca per verificarne la qualità. Quando i risultati delle analisi daranno esito positivo e la Asl di Pescara certificherà la potabilità dell'acqua, verrà attivata in distribuzione la nuova condotta».

10/06/2009 16.34