Protesta a Sulmona: restituiti 1200 certificati elettorali

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1967

SULMONA. Sono 1200 i certificati elettorali riconsegnati da cittadini e operatori commerciali di Sulmona .


«Per protesta - spiegano dal comitato promotore - contro l'abbandono delle istituzioni della Valle Peligna in questo particolare momento di crisi economica e occupazionale».
I certificati elettorali, raccolti in due urne poste in piazza XX Settembre e in corso Ovidio, saranno portati all'ufficio elettorale del comune, ma la consegna spontanea continuera' anche oggi, dopo il chiarimento del Commissariato comunale che definisce l'iniziativa «come non a carattere politico» e quindi non soggetta alla norma che disciplina la propaganda elettorale.
«La nostra è una forma di protesta civica e civile - ha spiegato Antonio Ruffini, a capo di una delle associazioni che hanno aderito - per attirare l'attenzione di Provincia e Regione ai problemi del centro Abruzzo, soprattutto in questo momento di crisi congiunturale».
Inserimento nell'Obiettivo 1 o nell'elenco delle Zone franche, queste le richieste del comitato civico spontaneo per l'accesso ai benefici della defiscalizzazione e alle agevolazioni per l'insediamento di imprese. «Visto che i politici ci ritengono degni della loro attenzione solo nei periodi di elezione - continua Ruffini -, abbiamo deciso di sganciarci da questo meccanismo con la spontanea riconsegna dei certificati elettorali. Se dobbiamo smettere di credere nelle istituzioni - conclude - vogliamo essere coscienti del fatto che non contribuiamo alla loro formazione con i nostri voti».
06/06/2009 11.20