Scattano i voti per i dirigenti del Comune di Chieti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

880

CHIETI. Il Comune di Chieti ha introdotto un sistema di valutazione per i propri dirigenti - attualmente sono sette - un sistema di valutazione legato ad un sistema di obiettivi.


I criteri ed i meccanismi, che al termine del processo valutativo prevedono l'assegnazione ai dirigenti di un premio di risultato, sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa dal

Per quanto riguarda gli elementi di valutazione delle prestazioni e del livello di conseguimento degli obiettivi, come hanno spiegato il direttore generale del Comune Ebron D'Aristotile e il sindaco Francesco Ricci, gli elementi di apprezzamento sono il conseguimento degli obiettivi assegnati con il Piano economico di gestione (40 punti), la gestione delle risorse finanziarie assegnate con il Peg (16 punti), la qualità degli obiettivi raggiunti (14).
Per quanto riguarda le competenze organizzative (30 in tutti i punti da assegnare), gli elementi di apprezzamento sono la capacità di programmazione, organizzazione e controllo; lo spirito di iniziativa e la capacità di innovazione e gestione; la capacità di formazione e di motivazione del personale e la capacità di relazione all'interno e all'esterno del Comune.
«Abbiamo già approvato il bilancio, stiamo approvando un budget di settore - ha detto D'Aristotile -: l'obiettivo era appunto quello di definire quali sono i risultati da raggiungere, monitorarli durante l'anno, quantificarli in termini di importanza e quindi valutare alla fine dell'anno attraverso il Nucleo di valutazione che già esiste, il conseguimento degli obiettivi stessi. Ma non solo - ha aggiunto il direttore generale: la figura del dirigente è una figura complessa ed è essenziale cominciare a valutare, come dice il contratto, anche le sue altre caratteristiche, Cioé la capacità di fare squadra, di formare il proprio personale, di fare gruppo. Tutta una serie di valutazioni che nel loro insieme definiscono il risultato complessivo di ciascun dirigente che lo porterà alla trasformazione in termini monetari, con un premio di risultato».
D'Aristotile ha poi evidenziato che l'introduzione degli obiettivi presuppone necessariamente uno strumento che permetta al politico e al dirigente di valutare e di essere valutato per vedere se quell'obiettivo viene conseguito o meno.

06/06/2009 10.21