Una "lezione" in arrivo per l’Iri School: presunta evasione milionaria

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

8949

Una "lezione" in arrivo per l’Iri School: presunta evasione milionaria
CHIETI. Oltre dieci milioni di euro di guadagni sfuggiti alle tasse, con una presunta evasione fiscale stimata in circa quattro milioni.
Una serie di irregolarità per il mancato pagamento degli stipendi e dei contributi previdenziali ai dipendenti. Operazioni di compravendita di immobili non in linea con le capacità patrimoniali dichiarate. Ed ancora mancate assunzioni degli insegnanti, con conseguente interessamento del Ministero della Pubblica Istruzione per la presunta violazione dei criteri per l'accreditamento come scuola paritaria.
Sono alcuni eclatanti risultati di una inchiesta condotta dalla procura di Chieti che sarebbe ormai terminata e ad una svolta, come risulta a PrimaDaNoi.it.
In passato vi sono state diverse perquisizioni nelle sedi della scuola a Francavilla e Chieti e che ha avuto una espansione esponenziale negli ultimi anni.
Le prime segnalazioni sull'Iri School College, sono arrivate da alcuni giovani docenti malpagati e da alcuni genitori che hanno sborsato cifre importanti per i diplomi dei figli senza ottenere risultati e che hanno notato un comportamento fiscale disinvolto della scuola.
L'inchiesta è andata avanti per mesi grazie al lavoro discreto e meticoloso della Agenzia delle entrate e della Guardia di Finanza, per la ricostruzione degli aspetti fiscali riguardanti gli anni dal 2003 al 2008, mentre l'Inps e l'Ispettorato del lavoro si sono mossi per gli esposti dei dipendenti, soprattutto insegnanti, che avrebbero lavorato per anni senza percepire stipendi o venendo pagati in modo non regolare.
Il che potrebbe provocare l'intervento del Ministero della Pubblica istruzione, in quanto una scuola paritaria per essere in regola – e quindi poter effettuare gli esami di maturità in sede - deve avere un numero di insegnanti assunti direttamente, cosa che non sarebbe avvenuta in quanto la maggior parte dei docenti veniva reclutata in altro modo, forse ricorrendo anche a cooperative o ad altre forme di assunzione non previste dal Ministero.
Sarebbe elevato anche il numero degli studenti che hanno sostenuto negli anni gli esami di maturità all'Iri School e che provenivano da altre scuole, queste del tutto private e di varie zone d'Italia.
E sotto la lente degli inquirenti sono finite non solo le rette per la frequenza, ma soprattutto i costi sostenuti dai maturandi per arrivare al sospirato diploma.
Questo filone -secondo quanto risulta a PrimaDaNoi.it- ha portato anche ad indagare se al Ministero in qualche modo venivano pilotate le nomine per i commissari d'esame per arrivare a scegliere i più compiacenti o quelli segnalati.
Insomma un nuovo scandalo che si appresta a scoppiare anche perché sarebbero state raccolte numerose prove documentali e ricostruito un quadro che potrebbe persino sconfinare in altre regioni.
Uno spaccato di vita reale incredibile: molti insegnanti, ascoltati come persone informate dei fatti, hanno spiegato che lavoravano sotto pagati o addirittura senza stipendio pur di ottenere un punteggio da spendere per le graduatorie nelle scuole pubbliche.
Dal punto di vista patrimoniale, bisognerà poi spiegare il fiume di denaro che avrebbe alimentato acquisti immobiliari non solo a Chieti e Francavilla, ma anche fuori regione. L'indagine, ormai conclusa, è sul tavolo del magistrato, Lucia Campo, in attesa di una sua decisione.

LA SCHEDA: COS'E' L'IRI SCHOOL COLLEGE

L'Iri School College è un polo scolastico paritario con sede a Francavilla al Mare.
I corsi legalmente riconosciuti sono quelli del Liceo classico, scientifico e linguistico, istituto tecnico commerciale, istituto tecnico per geometri, istituto tecnico industriale, istituto tecnico aeronautico, scuola media, campus universitario.
«Sul modello del college inglese», si legge nella presentazione del sito internet, «i ragazzi sono seguiti anche nel pomeriggio durante le ore di studio personale ed aiutati nello svolgimento dei compiti L'orario delle lezioni è distribuito in 5 giorni, dal lunedì al venerdì».
Alla fine del corso di studi gli allievi sostengono gli esami di maturità in sede e il passaggio alle classi successive avviene ogni anno tramite scrutinio interno.
I giovani che ne fanno richiesta soggiornano nelle tre strutture “Villa Esther” di via Paolo Tosti, 70, “Marina” di via dei Frentani, 130 e “Paranà” di via Paolo Tosti, 47.
Si tratta, spiega sempre il sito internet di «College immersi in un verde ed incantevole parco, dotato di tutte le strutture utili a soddisfare il ritmo di studio, di riposo e svago».
E per gli alunni più meritevoli «sono previste consistenti borse di studio».

06/06/2009 8.45