Da lunedì abbattuta pineta "Tre Conche". Legna gratis per i cittadini

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1027

AVEZZANO. Circa 1400 pini verranno abbattuti in quanto gravemente malati.


Si tratta degli alberi piantati dai soldati austriaci, prigionieri nel campo di concentramento di Avezzano, nel corso della Prima guerra mondiale.
Il Comune proprio oggi, ha reso noto che lunedi 25 maggio sarà eseguita la consegna dei lavori per il diradamento della pineta "Tre Conche".
L' intervento avrà una durata di circa 40 giorni ed interesserà circa 1.400 piante disseccate.
In autunno saranno impiantate, in collaborazione con il Corpo Forestale, nuove essenze più adeguate al nostro clima (aceri, frassini, ornelli e querce).
I cittadini che ne facciano richiesta, potranno ritirare, gratuitamente un quantitativo di legna fino a 20 quintali per persona.
I pini della zona "Tre Conche", assieme a quelli del monte Salviano e della pineta "La Serra" di Celano, furono impiantati dai prigionieri austriaci nel 1916.
Per loro furono utilizzate le baracche costruite per il terremoto del 13 gennaio 1915 che causò 30.000 vittime.
Secondi alcune testimonianze, diversi soldati austriaci restarono nel capoluogo della Marsica e formarono anche delle famiglie.
22/05/2009 18.16