Scientifico Montesilvano, i lavori per 5mln assegnati alla ditta Di Giampaolo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1517

MONTESILVANO. Assegnati ieri dal settore “Edilizia scolastica” della Provincia di Pescara i lavori per la realizzazione della nuova sede del Liceo scientifico “Corradino D’Ascanio” di Montesilvano.
Ad aggiudicarseli è stata l'impresa “Paolo Di Giampaolo” di San Giovanni Teatino (la stessa che ha vinto gli appalti per la ristrutturazione dello stadio Adriatico), per un importo che sfiora i 5 milioni di euro, al netto degli oneri per la sicurezza.
Secondo quanto stabilito dal contratto ci sarebbero ora a disposizione 720 giorni per la riconsegna al settore della Provincia guidato dell'ingegner Vittorio Morganti dell'opera.
«La progettazione», ha spiegato Morganti, «fa riferimento alle più recenti normative in materia antisismica per la realizzazione di edifici pubblici ed è stata affidata agli ingegneri Antonio Bellizzotti, Enrico Ciampoli, Tonino D'Amario e Fausto La Sorda».
La nuova sede dello Scientifico di Montesilvano (l'istituto può contare attualmente su una popolazione di circa 650 allievi, con prospettive di crescita piuttosto sensibili nei prossimi anni) sarà dotata di aule e laboratori scientifici, sorgerà in un'area in prossimità della via Vestina e via Chiarini, e occuperà una superficie di circa 30mila metri quadrati, compresi gli spazi esterni.
Con l'assegnazione dell'appalto alla ditta “Di Giampaolo”, si chiude anche un lunghissimo contenzioso che aveva visto negli anni scorsi ben due rescissioni contrattuali, da parte della Provincia, nei confronti delle ditte vincitrici delle gare precedenti: «Circostanze che hanno comportato un significativo allungamento dei tempi - spiega il presidente della Provincia di Pescara, Giuseppe De Dominicis - e la necessità di dover ripristinare perfino danni provocati all'area del cantiere. Ma adesso, grazie all'affidabilità dell'impresa vincitrice, alla qualità dei progettisti e all'efficacia dell'azione dei nostri dirigenti, sarà possibile davvero scrivere la parola “fine” su questa vicenda».

21/05/2009 14.08