Riciclaggio e droga. Condanne e confisca per il ristorante vastese "La Loggia"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1154

VASTO. E' stato confiscato a Vasto (Chieti) il ristorante-pizzeria 'La Loggia', acquistato secondo la procura della Repubblica di Vasto coi soldi provento di un traffico di droga.


La proprieta' del locale, ubicato sulla panoramica Loggia Amblingh, sulla balconata orientale della citta' adriatica, faceva capo, tra gli altri, ad Alessio Maccarone, 33 anni, di Vasto e Gaetano Milano, 30 anni, di Casalnuovo (Napoli), finiti in carcere perche' coinvolti in un traffico di stupefacenti tra la riviera vastese e la Campania sgominato nel novembre scorso dai carabinieri della compagnia di Vasto, diretta dal capitano Giuseppe Loschiavo.
I due, ritenuti tra i principali responsabili del giro di stupefacenti, hanno ora patteggiato la pena davanti al Gip del Tribunale di Vasto: 3 anni e 8 mesi di reclusione per Maccarone, mentre per Milano 3 anni e 4 mesi.
Con il patteggiamento e' arrivata la confisca del ristorante, sequestrato all'inizio dello scorso febbraio in un'operazione congiunta di carabinieri e Guardia di Finanza.
Le fiamme gialle, coordinate dal comandante della polizia tributaria di Chieti, il tenente colonnello Gabriele Miseri, svolsero accurate indagini sulle capacita' contributive di Maccarone e Milano, i quali, secondo i riscontri bancari e patrimoniali, non avrebbero potuto rilevare il locale se non con denaro di dubbia provenienza.
Il procuratore capo della repubblica di Vasto, Francesco Prete, rilevò pertanto la violazione dell'articolo 12 sexies del decreto legislativo 356 del '92, varato per contrastare le organizzazioni delinquenziali di tipo mafioso e il riciclaggio di beni di origine illecita.
Per la prima volta nel Chietino si arrivo' al sequestro di un locale, poi affidato ad un curatore giudiziale e, adesso, confiscato.
Il ristorante entra cosi' nel patrimonio dell'agenzia del Demanio di Pescara per la necessaria voltura catastale.
L'autorita' giudiziaria di Vasto e la Prefettura di Chieti sono gia' al lavoro per l'affidamento in gestione del locale ad una cooperativa di giovani che, in tempi brevi, potrebbe riavviare l'attività.

08/05/2009 13.23