Aca. Lavori finiti, torna l’acqua nelle abitazioni dei 20 comuni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1883

BUSSI. Sono terminati come previsto intorno all'una della notte appena trascorsa i lavori di allaccio delle nuove condotte realizzate a Bussi e l’intervento di manutenzione dell’acquedotto Giardino.


Si è trattato di «opere necessarie» per attivare il primo nuovo pozzo realizzato dall'Aca in località San Rocco.
Appena terminati i lavori è stato riattivato l'acquedotto Giardino e sono cominciate le manovre per la reimmissione dell'acqua potabile nelle condotte, operazione terminata con successo intorno alle 6.30.
Nelle prossime ore verranno riaccesi anche i 6 pozzi attualmente già attivi a Bussi. La situazione dell'erogazione idrica nei venti comuni interessati dalla sospensione di acqua potabile nella giornata di ieri tornerà dunque a pieno regime entro il primo pomeriggio odierno.
«Ancora per qualche ora – ha affermato stamane la Direzione dell'Azienda Acquedottistica di Pescara – alcune zone dei venti comuni interessati dall'intervento (Alanno, Bolognano, Bussi sul Tirino, Castiglione a Casauria, Casalincontrada, Cepagatti, Chieti, Città Sant'Angelo, Manoppello, Montesilvano, Pescara, Pianella, Rosciano, San Giovanni Teatino, Scafa, Spoltore, Tocco da Casauria, Torre de' Passeri, Torrevecchia Teatina e Turrivalignani), potrebbero avvertire cali di pressione e carenze idriche. La distribuzione di acqua potabile, comunque, tornerà alla normalità entro il primo pomeriggio di oggi. Per tutta la giornata di ieri e fino a mezzanotte le squadre di pronto intervento dell'Aca con tre autocisterne hanno rifornito i serbatoi di strutture pubbliche (Villa Pini, gli hotel Esplanade e Regent, la Fater, il centro commerciale Arca) e delle utenze private soprattutto nella zona di Portanuova, in particolare via Tirino, e in via Del Santuario. Tuttavia la situazione è sempre rimasta sotto controllo grazie alla capillare informazione che nei giorni scorsi l'Aca ha effettuato in tutti i comuni della provincia di Pescara e Chieti interessati dalla sospensione idrica, in altre parole la cittadinanza non si è trovata impreparata ed ha avuto il tempo per fare delle minime scorte domestiche proprio per affrontare le ore di emergenza».
Per quanto riguarda il comune di Pescara, la zona in cui si sono registrati maggiori disagi è stata quella di Portanuova e la zona bassa del quartiere Colli Innamorati, mentre nella parte più alta di Pescara Colli (parte alta di via Colli Innamorati e via Di Sotto, strada Colle Scorrano, strada Colle di Mezzo), la distribuzione idrica è rimasta costante grazie all'acquedotto Tavo che rifornisce il serbatoio Valle Furci. Nei comuni di Montesilvano e Città Sant'Angelo invece, non si sono registrati disservizi. «In particolar modo – ha continuato la Direzione dell'Azienda Acquedottistica di Pescara - nella città di Montesilvano non si sono verificati né cali di pressione né carenze idriche grazie all'erogazione di circa 120 litri di acqua potabile in più al secondo che l'acquedotto teramano del Ruzzo già nella mattinata di ieri ha dirottato verso il comune costiero».
«“Ovviamente i tecnici dell'Aca – ha proseguito la Direzione dell'Azienda Acquedottistica di Pescara – continueranno a monitorare costantemente la distribuzione idrica in tutti i venti comuni della provincia di Pescara e Chieti per intervenire in caso di necessità. Le opere effettuate nella notte appena trascorsa si sono rese necessarie per garantire il funzionamento del primo nuovo pozzo realizzato in località San Rocco a Bussi e che, secondo le previsioni, sarà completamente operativo tra circa 15 giorni. Dopo l'intervento di allaccio delle nuove condotte, avvenuto nella notte appena trascorsa, si procederà, nei prossimi giorni, alla fase di collegamento della pompa e in seguito verranno eseguiti prelievi quotidiani sia dai tecnici dell'Aca che dai biologici dell'Arta per verificare la qualità dell'acqua captata. Solo dopo il parere positivo dell'Asl, che dovrà certificare la potabilità dell'acqua stessa, si procederà con la relativa messa in rete».
Nelle prossime ore per maggiori informazioni i cittadini potranno continuare a rivolgersi ai numeri verdi dell'Aca 800.800838, 800890541 e ai numeri 085.41781 e 085.4227327.

28/04/2009 10.52