Allarme aereo:velivolo senza autorizzazione bloccato dai caccia sull’Abruzzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

4343

ABRUZZO. E’ dovuta scattare la procedura di emergenza e l’allarme rosso che per fortuna si è risolto senza conseguenze. Il tutto per un velivolo non identificato che attraversava lo spazio aereo italiano senza autorizzazioni.

ABRUZZO. E' dovuta scattare la procedura di emergenza e l'allarme rosso che per fortuna si è risolto senza conseguenze. Il tutto per un velivolo non identificato che attraversava lo spazio aereo italiano senza autorizzazioni.Due Eurofighter del 4° Stormo di Grosseto della Aeronautica sono decollati questa mattina alle 11.40, su ordine del Comando operativo delle forze aeree di Poggio Renatico (Ferrara), per intercettare un velivolo Airbus 320 della forze armate dell'Oman.
L'intercettazione è avvenuta sopra l'Abruzzo, dove il velivolo é stato identificato ad una quota di 12mila metri ed una velocità di Mach.81.
Gli Eurofighter hanno scortato il velivolo fino al confine dello spazio aereo nazionale, tra il Mar Ionio e quello Adriatico, per poi far rientro al 4° Stormo dove sono atterrati alle 13,40 locali.
I due caccia sono stati allertati applicando la procedura “scramble” - il decollo immediato di caccia per intercettare un velivolo sospetto e accertarne l'identità- e sono decollati in pochi minuti verso il velivolo non identificato.
In questo caso la manovra è riuscita e non vi è stato alcun pericolo né conseguenza, cosa che invece non successe negli Usa l'11 settembre 2001 quando i caccia statunitensi non riuscirono ad intercettare nessuno dei 4 aerei dirottai che poi si schiantarono, decollando con oltre 45 minuti di ritardo.

24/04/2009 15.08