Nuovo pozzo a Bussi: lunedì 27 mancherà l’acqua in 20 comuni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

5060

PESCARA. Ultimo intervento in località San Rocco a Bussi per l’attivazione del primo nuovo pozzo realizzato dall’Aca.






PESCARA. Ultimo intervento in località San Rocco a Bussi per l'attivazione del primo nuovo pozzo realizzato dall'Aca.


Lunedì prossimo, 27 aprile, verranno infatti realizzati i lavori di allaccio delle nuove condotte e, per l'occasione, verrà effettuata anche la manutenzione straordinaria dell'acquedotto Giardino.
Per consentire l'esecuzione di tali opere l'Aca dovrà interrompere temporaneamente la normale erogazione idrica in venti comuni, ossia Alanno, Bolognano, Bussi sul Tirino, Castiglione a Casauria, Casalincontrada, Cepagatti, Chieti, Città Sant'Angelo, Manoppello, Montesilvano, Pescara, Pianella, Rosciano, San Giovanni Teatino, Scafa, Spoltore, Tocco da Casauria, Torre de' Passeri, Torrevecchia Teatina e Turrivalignani.
La sospensione della fornitura di acqua potabile scatterà alle 12 del 27 aprile e l'erogazione idrica riprenderà nella mattinata di martedì 28 aprile.
«L'intervento, che inizierà lunedì prossimo intorno alle 12 – ha spiegato La Direzione dell'Azienda Acquedottistica di Pescara –, è necessario per effettuare i lavori di manutenzione straordinaria dell'acquedotto Giardino (sostituzione di saracinesche e tubature idriche lungo tutta la linea) e gli interventi di allaccio delle nuove condotte che permetteranno di immettere in rete l'acqua potabile captata dal primo nuovo pozzo che l'Aca sta costruendo in località San Rocco a Bussi e che, secondo le previsioni, sarà concluso alla fine di aprile. A causa della consistenza e della complessità delle opere da eseguire sarà necessario, intorno alle 12 di lunedì 27 aprile, chiudere i 4 pozzi attualmente attivi in località San Rocco e i due impianti in via della Repubblica a Bussi sul Tirino e lo stesso acquedotto Giardino situato a Popoli».
Per quanto riguarda il comune di Pescara l'acquedotto Tavo che rifornisce il serbatoio Valle Furci garantirà la fornitura d'acqua nella parte alta della zona collinare della città (via Colli Innamorati, via di Sotto, strada Colle Scorrano, strada Colle di Mezzo), mentre l'acquedotto Foro, che alimenta il piezometro situato sulla collina della zona Bonifica (area Stadio-Pescara sud), assicurerà la distribuzione idrica anche all'Ospedale civile. Nelle altre zone della città adriatica, dove verranno a mancare circa 500 litri di acqua potabile al secondo, potrebbero verificarsi cali di pressione e carenze idriche sia nella giornata di lunedì 27 aprile che durante la mattina di martedì 28 aprile.
«Per limitare i disagi agli utenti – ha continuato la Direzione dell'Azienda Acquedottistica di Pescara - l'Aca ha già predisposto un servizio di rifornimento di acqua potabile tramite 3 autocisterne che verranno messe a disposizione per eventuali necessità. La settimana scorsa, inoltre, l'Aca ha già informato del provvedimento tutti i sindaci dei comuni interessati dagli interventi affinché possano informare tempestivamente la cittadinanza invitandola ad effettuare scorte idriche».

20/04/2009 16.08