Omicidio Chinatown a Milano, arrestato in Abruzzo l’assassino ricercato

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1095

TERAMO. E’ stato arrestato in Abruzzo, in un'operazione degli agenti delle Squadre Mobili di Teramo e Milano, il cinese accusato dell'aggressione a due suoi connazionali, avvenuta sabato nel capoluogo lombardo in via Paolo Sarpi, nel cuore della Chinatown milanese


Durante la rissa c'è stato un morto. Una seconda persona è rimasta ferita. Zhang Yong Qiang, cinese di 34 anni, irregolare, ha poi confessato l'omicidio del connazionale Zhang Huidi e il ferimento di Lu Xi Bang.
L'uomo è stato bloccato a Villa Rosa di Martinsicuro, in provincia di Teramo, mentre era in bicicletta vicino all'abitazione del suo datore di lavoro e probabilmente si stava preparando ad allontanarsi dall'Italia.
La Squadra Mobile - come è stato spiegato ieri in questura - ha seguito le sue tracce fin dai momenti successivi all'omicidio.
Il cinese aveva lasciato Milano in treno per raggiungere l'Abruzzo. Quando è stato fermato, aveva in tasca la foto della ragazza che gli sarebbe stata soffiata dalla vittima e che sarebbe all'origine della lite conclusasi tragicamente.
Il ragazzo ucciso sabato sera, infatti, era stato aggredito mentre si trovava con la fidanzata e altri due amici all'interno di una trattoria.
L'aggressore ed ex fidanzato della ragazza della vittima, ha fatto irruzione nel locale prima insultando i presenti e poi accoltellando i due uomini presenti al tavolo.
Per uno di loro non c'e' stato niente da fare. L'altro e' stato trasportato all'ospedale dove e' stato operato e dove si trova in condizioni stabili.

30/03/2009 10.05