Sicurezza stradale, Mascia: «in città mancano i requisiti minimi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

719

PESCARA. «Mancano le strisce pedonali, cancellate dopo poche settimane quelle ‘biancazzurre’ appena rifatte sulla riviera nord, manca la segnaletica, mancano le luci per illuminare le carreggiate, mancano le minime condizioni di sicurezza lungo le strade di Pescara».

Lo ha denunciato il candidato sindaco per la coalizione di centro-destra al Comune di Pescara Luigi Albore Mascia, capogruppo comunale del Pdl.
«Pescara ha contato l'ennesima vittima della strada – ha sottolineato il candidato sindaco Albore Mascia -, un anziano morto dopo essere stato travolto tre giorni fa in via D'Annunzio, in pieno centro urbano, a ridosso di scolorite strisce pedonali, appena visibili per i pedoni, quasi inesistenti per gli automobilisti».
Un dramma che si ripete ad appena qualche settimana dalla giovane investita in via Caravaggio, e poi di un altro anziano in via Gran Sasso.
Tre sinistri, a pochi giorni di distanza l'uno dall'altro, e la causa, accusa Mascia, «è sempre la stessa: a Pescara mancano le minime misure di sicurezza. Mancano le strisce pedonali: basta fare un giro lungo la riviera, affollata di utenti nei primi giorni di primavera, per verificare che attraversare la strada è diventata una roulette russa». «Da mesi», ha proseguito il capogruppo, «denunciamo l'utilizzo di una vernice che si cancella dopo pochi giorni per la pioggia o la semplice usura determinata dal passaggio dei veicoli. Ma ostinatamente la giunta, nonostante l'evidenza e pur ammettendo l'assoluta carenza di fondi destinati al rifacimento costante delle zebrature, ha continuato a difendere la scelta di quella vernice a suo dire più evidente al buio. Oggi sappiamo che così non è. Mancano in città – ha ribadito Albore Mascia – gli attraversamenti dinanzi agli scivoli per diversamente abili, cancellata anche la segnaletica orizzontale, lungo strade puntualmente al buio per i costanti black out, come accade ogni sera in via D'Annunzio, o sul lungomare nord, o in via Valle Roveto,o in via Calabria».
Mascia ha fatto sapere che chiederà la convocazione immediata di un vertice con l'assessore alla mobilità e con lo «pseudo-Osservatorio comunale» per verificare la somma stanziata dalla giunta per l'annualità 2009 per la manutenzione degli attraversamenti stradali e per le opere di sicurezza viaria e per chiedere un primo resoconto del lavoro finora svolto dal nuovo Organismo nato per garantire la tutela dei cittadini.

23/03/2009 9.42