Omicidio tassista di Francavilla: in appello la pena scende a 30 anni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1042



L'AQUILA. E' stata ridotta a trent'anni la pena per Gentian Belegu, l' albanese di 34 anni accusato di aver ucciso il tassista Dante Libonati nel marzo 2007 e condannato all'ergastolo il 13 maggio dell'anno scorso nel processo con rito abbreviato.
La corte d'assise e d'appello dell'Aquila ha così riformato la sentenza di primo grado della corte d'assise di Pescara. Il sostituto procuratore generale, Romolo Como, aveva chiesto la conferma dell'ergastolo. La sentenza è arrivata dopo tre ore di camera di consiglio.
Il corpo senza vita di Libonati, 77 anni, originario di Rotonda (Potenza) e residente da tempo in Abruzzo, fu ritrovato tre giorni dopo l'omicidio in un campo di ulivi a Francavilla al Mare (Chieti). L'uomo fu strangolato con del filo di ferro.
L'albanese, clandestino, probabilmente non aveva i soldi per pagare la corsa del taxi e aveva ucciso Libonati temendo di essere denunciato. Poi si impossessò del veicolo con cui raggiunse Milano. A incastrarlo furono i filmati delle telecamere collocate in autostrada e un'impronta digitale repertata dai carabinieri del Ris sul taxi, il cui abitacolo era stato accuratamente pulito.
16/03/2009 19.54