La trasparenza in Comune: «dov’è il progetto esecutivo della filovia?»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1812

PESCARA. Ieri il vice sindaco di Pescara Camillo D’Angelo, rispondendo alle accuse mosse da Alleanza Nazionale, aveva parlato di una amministrazione cittadina «di vetro». * FACEBOOK E SOLIDARIETA', I COMMENTI ALLA QUERELA DELLA GIUNTA
«Vogliono far passare il messaggio ai cittadini che io nascondo le carte, ma sentire questo è avvilente per chi ricopre una carica istituzionale», aveva detto il sindaco facente funzioni.
Dopo quelle parole, oggi, Mare Libero torna a chiedere di vedere dei documenti «fondamentali»: quelli sulla filovia Silvi- Francavilla.
«Ci siamo recati presso l'Ufficio Lavori Pubblici del Comune di Pescara», raccontano i responsabili dell'associazione Mare Libero e Utenti Strada Parco, «chiedendo la documentazione relativa alla sistemazione definitiva dell'ex tracciato ferroviario a seguito dell'installazione delle infrastrutture per il passaggio del Philéas. Dopo alcune sollecitazioni l'Ufficio dell'Ing. Luciano Di Biase ci ha risposto che non dispone di documenti inerenti il progetto esecutivo».
Adesso i comitati si domandano «su quali atti allora la delegazione del Comune di Pescara, composta dal vicesindaco D'Angelo, dall'assessore alla mobilità Blasioli e dall'ingegner Di Biase, si è recata a Milano, alla fine di gennaio 2009, per discutere con la Balfour Beatty Rail della sistemazione dell'area in questione? Quali risultati ha dato questa trasferta?»
E la domanda di sempre: «chi beneficerà di un finanziamento che, in tutta evidenza, non è funzionale alla soluzione dei problemi legati alla mobilità e all'inquinamento?»
Lo scorso 10 marzo Mare Libero e Utenti Strada Parco hanno presentato all'Urp una richiesta di accesso agli atti; «se necessario ricorreremo al Difensore Civico per ribadire il diritto dei cittadini quantomeno ad essere informati su scelte che condizionano la qualità della vita».
«Ad oggi», continuano i comitati, «nessuno degli Enti interessati (Regione, Comune di Montesilvano, Comune di Pescara, Gestione Trasporti Metropolitani) ha sentito il dovere di presentare alla collettività il progetto esecutivo di un' opera onerosa. Soltanto dopo che il Comune di Montesilvano ha dato il via libera all'inizio dei lavori, la Gtm ha reso noto, con grande sorpresa dello stesso Sindaco di Montesilvano, che il mezzo di trasporto prescelto viaggerà a gasolio».

13/03/2009 12.12
[pagebreak]
ANCORA REAZIONI ALLA QUERELA DELLA GIUNTA

Sono state molte le reazioni alla notizia pubblicata ieri della querela della giunta capeggiata da D'Angelo, annunciata per PrimaDaNoi.it.
Il consigliere di Rifondazione Maurizio Acerbo si è fatto anche promotore di un gruppo su Facebook per esprimere solidarietà al quotidiano
[url=http://www.facebook.com/home.php?ref=home#/group.php?gid=56690798877&ref=mf ](qui)[/url] .

Oggi il comitato “Sicurezza e Legalità”, associazione per la Sicurezza dei Cittadini e la Legalità ha inviato una nota a firma Massimo Pietrangeli, coordinatore provinciale
«Lungi dal voler entrare nel merito di decisioni politiche della giunta D'Angelo», scrive Pietranegli, «ci sembra assolutamente fuori luogo un attacco frontale ad un quotidiano che - per quanto ci risulta - ha fatto e continua a fare dell'ottima informazione».
«Ci associamo», si legge ancora, «a quanti, da destra e da sinistra, difendono l'operato della redazione. Troppi fatti, in altre redazioni e in tutt'Italia, rimangono nelle penne dei giornalisti, e troppi giornalisti agiscono a comando : ne abbiamo penosi ed eclatanti esempi, a josa, anche da noi; i collaboratori di PrimaDaNoi sono una rara. Prova ne sono le numerose inchieste addirittura anticipate da questa testata indipendente, sia che abbiano riguardato politici di destra che politici di sinistra, e questo i cittadini lo sanno, e gliene sono grati. Il non essere allineato né a destra né a sinistra», continua Pietrangeli, «implica di questi effetti collaterali, e infatti di volta in volta - proprio a causa di ciò - Pdn viene strumentalmente accusato di essere schierato a sinistra o a destra. Pdn è stato sempre, finora, dalla parte dei cittadini onesti turlupinati da commistioni pericolose tra politici ed affaristi senza scrupoli che hanno ridotto Pescara e l'Abruzzo in braghe di tela, mettendone a repentaglio una valida ripresa».
«Non possiamo non chiederci», si chiude la nota, «come mai una notizia che avrebbe dovuto creare un certo clamore non abbia trovato spazio su giornali e TV. E' una domanda retorica, ovviamente».

13/03/2009 12.10

[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=19718]LA NOTIZIA DI IERI[/url]