Ufficio protocolli sotto organico, «25 giorni per registrare un documento»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

830

MONTESILVANO. Il consigliere Francesco Maragno denuncia la situazione in cui versa l'ufficio protocollo del comune di Montesilvano.OLIVIERI (AN) CONTRO MARAGNO



Nonostante infiniti inviti a prendere provvedimenti da parte del personale che lamentava la carenza di organico all'ufficio protocollo «i vertici dell'amministrazione hanno continuato a fare orecchie da mercante», contesta Maragno, «e a non prendere alcun provvedimento con la conseguenza, vergognosa per un paese civile, che i tempi per la registrazione si stimano tra i 22 ed i 25 giorni».
Le condizioni in cui versa l'ufficio protocollo, secondo Maragno, sono simili a quelle in cui versano gli altri uffici, con l'aggravante, però, che le registrazioni di questo ufficio sono fondamentali per dare avvio ad una serie di provvedimenti amministrativi molto importanti.
Tra questi anche le così dette Dia (denuncia di inizio attività) che devono essere diffidate o la cui documentazione deve essere integrata entro 30 giorni dalla presentazione, a pena di decadenza.
«Ma come si fa», contesta il consigliere, «ad istruire una pratica in 5 giorni se si considerano, magari, i giorni non lavorativi, festivi e prefestivi, lo smistamento delle pratiche e l'assegnazione delle stesse al responsabile del provvedimento? Con ogni probabilità nessun controllo viene effettuato con buona pace di chi? Sicuramente di coloro i quali non hanno le carte in regola per edificare e la frustrazione di chi, pur avendo tutte le autorizzazioni non riesce a farlo (vedasi i ritardi di 2-3 anni con cui vengono rilasciati i permessi di costruire)».
«Non vorrei – insinua il consigliere - che la scelta di non potenziare un ufficio cosi fondamentale sia decisamente voluta. Il tutto anche come diretta conseguenza della ben nota questione riguardante l'ufficio abusi edilizi, presente solo sulla carta e con nessuna operatività».
Per queste ragioni Maragno ha presentato una interrogazione urgente scritta, «sperando che questa maggioranza sappia fare chiarezza ed addurre giustificati motivi per il disservizio; in caso contrario, mio malgrado, sarò costretto a denunciare la situazione ai competenti organi giudiziari»

12/03/2009 8.37

OLIVIERI (AN) CONTRO MARAGNO

«La distanza dalla vita amministrativa di Maragno è tale da non capire e da non sapere che l'amministrazione comunale ha ereditato una situazione finanziaria e del personale a dir poco gravissima», commenta il capogruppo di An, Benito Olivieri.
«Non vorrei che fosse proprio l'astio e il livore per aver perso un posto in Giunta a far assumere al consigliere Maragno spesso posizioni da “paladino del niente”. La politica non può essere una questione familiare o parentale, è infatti ben altra cosa».

12/03/2009 16.38