Uffici comunali sbarrati: polemica sull’arrivo dei carabinieri ad Atessa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1645

ATESSA. Sempre viva la polemica tra maggioranza di centrodestra ed opposizione di centrosinistra al comune di Atessa.


Motivo del contendere, questa volta, la presunta impossibilità dei cittadini di accedere agli uffici comunali, con corredo di critiche al sindaco e con la notizia che a seguito delle proteste per gli uffici “chiusi” sarebbero arrivati in Comune anche i Carabinieri. «La minoranza ha diritto di protestare, ma soprattutto ha il dovere di dire la verità. E così anche la stampa. La vicenda degli uffici “chiusi” e dei Carabinieri è completamente diversa e si può verificare».
Così Nicola Cicchitti, sindaco di Atessa, replica alle notizie che, a suo dire, sarebbero state riportate.
«Tanto per cominciare, i Carabinieri sono stati chiamati dal Segretario generale, su mia richiesta. Infatti in questi giorni si stanno verificando fatti strani, dopo che le opposizioni hanno perso il loro ricorso al Tar contro il nostro Regolamento che stabilisce giorni e orari per l'accesso del pubblico negli uffici comunali», spiega il sindaco.
«Capita allora che alcuni Consiglieri di opposizione si presentino in Comune, sia nella fascia oraria consentita sia fuori orario, e si chiudano nelle stanze degli impiegati e dei tecnici tenendoli occupati con le loro richieste, anche per il periodo dedicato al ricevimento del pubblico – spiega il sindaco - Ciò provoca l'impossibilità di accesso agli uffici del normale cittadino, ma anche difficoltà ai funzionari che debbono lavorare. Mi sembra un modo provocatorio di esercitare il proprio diritto di Consigliere, senza tener conto dei danni che si provocano ai cittadini. Mi spiace che vecchi consiglieri ultradecennali e alla soglia della pensione, che dovrebbero essere di esempio, (il riferimento è all'ex senatore Angelo Staniscia, ndr) si prestino a certi giochi. Ma questa è anche la dimostrazione che certi metodi sono fuori del tempo e che la politica del “tanto peggio tanto meglio” è dura a morire, anche se ha prodotto solo sconfitte».

06/03/2009 10.23