No alla Mostra del Fiore: ma «il Comune non avrebbe avuto costi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2067

LA DENUNCIA. FRANCAVILLA AL MARE. «Senza la Mostra del Fiore, Francavilla perde un importante tassello per il turismo di questa città».
E' questo il commento amareggiato del presidente dell'Arfa, Remo Matricardi, in seguito all'impossibilità di realizzare la grande kermesse florovivaistica che quest'anno avrebbe festeggiato la sua 33° edizione.
«Dopo l'autorizzazione da parte della Regione Abruzzo, datata 21 novembre 2008, e a seguito delle numerose comunicazioni inviate nel corso degli ultimi mesi all'amministrazione Comunale - spiega Matricardi – non abbiamo mai avuto risposta da parte del sindaco e, pertanto, ci troviamo ormai impossibilitati ad organizzare la manifestazione. Un vero peccato per la nostra città perchè la mostra è diventata nel tempo uno dei pochi eventi in Italia in grado di presentare l'intera filiera del florovivaismo in un unico grande contenitore. Una formula, spesso presa a modello, che ha saputo incontrare sempre di più il favore del pubblico e della stampa nazionale».
«Mi rendo conto – sottolinea il presidente dell'Arfa - che il primo cittadino sia attualmente preso dai problemi di cassa della sua amministrazione ma non è detto che, per questo, si debba annullare una delle eccellenze che questo territorio è in grado di esprimere. E mi stupisce ancora di più questo atteggiamento visto che nella costituzione della sua giunta si è preoccupato di attribuire la delega alla Mostra del Fiore ad un assessore, considerando, a mio avviso, l'importanza di tale appuntamento per la città».
Nell'ultima lettera inviata al Comune il presidente aveva specificato che l'associazione si sarebbe accollata i costi dell'intera manifestazione per non gravare ulteriormente sulle casse comunali lasciando all'amministrazione la libertà di stabilire il contributo economico da assegnare. «La risposta non è mai arrivata così come la semplice autorizzazione ad utilizzare le sale del Mumi e gli spazi adiacenti».
«Se Francavilla deve essere una cittadina che vive di turismo, - conclude Matricardi - non capisco allora quale strategia si voglia mettere in campo se non si permette la realizzazione di un iniziativa quasi a costo zero che negli anni ha saputo attirare i migliori maestri fioristi del mondo e i tanti appassionati del settore. Se si annienta la Mostra del Fiore che costituisce un volano per il turismo di questa città, contribuendo a destagionalizzarlo, vorrei sapere, caro sindaco, quali progetti hai in mente per far sopravvivere la gran parte di attività commerciali di questa città che vivono di turismo e di agricoltura, quale impronta vuoi lasciare a Francavilla».

02/03/2009 9.15