«Pioniere dell'ematologia», Montreal premia Giovanni D’Angelo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

912

ORSOGNA. Medaglia alla carriera per l’orsognese. Partì dal suo paese nel 1951. Ha formato metà degli emato-oncologi del Québec


E' una bella storia quella del professor Giovanni D'Angelo, al quale la Facoltà di Medicina dell'Università di Montréal ha conferito il massimo riconoscimento: una medaglia alla carriera per essere stato «un pioniere dell'ematologia» in Quebéc, «noto per la sua erudizione, umanità e generosità».
Nato a Orsogna, lasciò il suo paese nel novembre 1951. Giovanni D'Angelo è emigrato in Canada, dove si è laureato in medicina. La sua attività di ricercatore e docente presso l'Hôpital Maisonneuve-Rosemont di Montréal (Hmr) lo ha portato a curare e salvare la vita di tante persone, oltre ad acquisire una fama internazionale per le sue ricerche sulla leucemia e sulle altre malattie del sangue, oggetto di studio in Canada e all'estero. Oggi opera presso la «Banque des cellules leucémiques du Québec», di cui è condirettore.
Chi lo conosce lo descrive come un ricercatore attento alla sostanza delle cose, autore di numerosi scritti scientifici, poco incline alle luci della ribalta. L'Università di Montréal lo ha ringraziato per avere «contribuito a formare circa la metà di tutti gli emato-oncologi che svolgono la loro attività oggi in Quebéc», la provincia più estesa e la seconda più popolosa del Canada, la cui lingua ufficiale è il francese.
Durante la cerimonia di consegna della medaglia alla carriera, l'emato-oncologa Marie-Anne Archambault-Grenier ha sottolineato le doti di insegnante di Giovanni D'Angelo, ma anche la sua «straordinaria umanità, la dedizione, la calma», nonché «la dolce modestia» del suo carattere. Appena ne ha la possibilità, il professor D'Angelo torna a Orsogna, un paese che è rimasto nel suo cuore.
Il sindaco di Orsogna, Alessandro D'Alessandro, si è complimentato con il professor Giovanni D'Angelo, indicato come «l'esempio che la volontà, la serietà e l'impegno possono avverare i sogni», e ha espresso l'orgoglio dell'intera comunità per il riconoscimento che gli è stato tributato dall'Università di Montréal. Il sindaco ha, inoltre, invitato il professor D'Angelo a Orsogna per un incontro pubblico con i cittadini.
13/02/2009 10.57