Due minorenni tentano di incendiare un'auto: «volevamo solo divertirci un po'»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1554

FARINDOLA. La noia di un sabato sera ed i rimproveri di un anziano del luogo per le loro cattive abitudini sono alla base dell'atto vandalico di cui si sono resi responsabili due giovani di Farindola.

La notte tra sabato e domenica scorsi, infatti, i militari della Compagnia di Penne sono intervenuti nel centro montano dell'area vestina dove ignoti hanno tentato di incendiare l'autovettura Fiat Panda di proprietà di un pensionato del luogo.
L'hanno prima cosparsa di olio di oliva, finito anche nel vano motore, per poi tentare di appiccare le fiamme con dei fiammiferi, accendini e manifesti pubblicitari strappati dal muro.
Il tentativo si è rivelato vano, ma l'autovettura ha riportato ingenti danni alla carrozzeria.
Le indagini condotte dai militari operanti hanno consentito di identificare gli autori nelle prime ore della mattinata di domenica.
Si tratta di F.C. 22enne e A.C. 17enne entrambi di Farindola. I due sono stati deferiti all'autorità giudiziaria ordinaria e minorile per i reati di danneggiamento a seguito di tentato incendio di autovettura, distruzione e deturpamento di affissioni.
I giovani hanno spiegato che volevano semplicemente fare qualcosa che li divertisse e soprattutto fare un dispetto all'anziano, senza alcuna consapevolezza del pericolo di effettivo incendio cagionato.
«L'ennesimo episodio di devianza giovanile», ha commentato il colonnello Giovanni Esposito Alaia, comandante provinciale, «è stato prontamente ed efficacemente gestito dai militari della Compagni vestina, grazie anche allo stretto legame con il territorio; desta tuttavia preoccupazione il ripetersi pressoché quotidiano di simili episodi, la cui analisi si inserisce in un più ampio contesto che investe tutte le componenti sociali».

11/02/2009 14.42