Pianella: il Consiglio comunale lancia la raccolta differenziata porta a porta

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

814

PIANELLA. Con la raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti si coprirà il 65 per cento dell'intero territorio di Pianella.


Si estenderà il servizio a tutto il centro urbano del capoluogo e delle frazioni di Cerratina e Castellana. A fine febbraio comincerà la distribuzione del multimateriale a tutte le famiglie, verrà istituito un numero verde per la raccolta degli ingombranti e si aprirà uno sportello per lo smistamento di bidoni e sacchetti in viale Regina Margherita.
Sono tanti i progetti futuri annunciati dall'assessore delegato alla nettezza urbana del Comune di Pianella Vincenzo Di Giamberardino che in Consiglio comunale ha presentato gli atti definitivi per l'attivazione del servizio, illustrando anche le modalità di svolgimento.
«In breve tempo Pianella dovrà raggiungere gli obiettivi fissati dalla legge regionale sui rifiuti per abbattere i costi di smaltimento ed eliminare la ecotassa - ha affermato Di Giamberardino -: attualmente la raccolta differenziata non supera la quota del 22 per cento, entro fine 2009 dovremo invece raggiungere in modo categorico il 35 per cento, anche perché il nostro territorio ha tutte le caratteristiche e le potenzialità per farcela. Nei mesi scorsi abbiamo istituito e approvato il Regolamento per la disciplina della raccolta dei rifiuti, un documento mai esistito prima e che è invece un utile strumento per la Polizia municipale, chiamata a far rispettare il decoro e la pulizia del territorio, sanzionando chi sporca o crea discariche abusive. Nostro partner nella seconda fase del processo di ampliamento del servizio sarà la società Ambiente Spa, di cui il Comune di Pianella è socio fondatore».
Nelle scorse settimane l'Ufficio tecnico comunale ha fissato e individuato le cosiddette 'zone urbane' di Pianella, Cerratina e Castellana, elencando strada per strada quelle vie nelle quali andremo a estendere la raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti, coprendo in questo modo il 65 per cento del territorio.
Resteranno escluse, per ovvie ragioni logistiche, le zone rurali, situate in campagna, dove però comunque il Comune di Pianella promuoverà la raccolta differenziata dei rifiuti.
In quelle aree, però, gli operatori di Ambiente Spa non ritireranno a domicilio il pattume, ma saranno i cittadini a dover conferire, in modo diversificato, i propri rifiuti all'interno di 'isole ecologiche', dove troveranno ogni tipo di cassonetto necessario, quello per la carta, la plastica, il vetro, l'organico e gli ingombranti.
«Tra l'altro», ha spiegato ancora l'assessore, «tutti i cassonetti oggi dislocati nelle zone urbane, verranno spostati nelle isole ecologiche proprio per potenziare i servizi e la disponibilità di contenitori».
Come emerso nel corso del Consiglio comunale, può accadere che lungo una stessa via, un lato della strada è stato classificato tra le zone urbane, e quindi usufruirà del porta a porta, l'altro lato è invece rimasto zona rurale e dunque non ne beneficerà, «in questo caso però - ha ancora puntualizzato l'assessore Di Giamberardino - è anche vero che nelle strade ricomprese tra le zone rurali c'è un abbattimento della Tassa sui rifiuti per i cittadini».
Intanto, a fine febbraio comincerà la distribuzione alle famiglie dei bidoncini da 40 litri ciascuno, differenziati per colore a seconda del materiale, per la raccolta dei rifiuti; per la raccolta dell'organico verranno invece consegnati due contenitori, il primo da 25 litri, il secondo da 7 litri. «Con la collaborazione dei cittadini - ha assicurato Di Giamberardino - siamo sicuri di riuscire ad abbattere i costi: il Comune risparmierà almeno 97mila 895 euro solo nel primo anno, con il taglio della ecotassa. Intanto già nei prossimi giorni verrà aperto il Centro di smistamento aperto al pubblico per la distribuzione di bidoncini e sacchetti per il conferimento del pattume. Lo sportello è stato individuato presso gli ex locali dei Vigili urbani, in via Regina Margherita, e le spese dell'affitto saranno a carico di Ambiente Spa, con la quale istituiremo anche un numero verde a disposizione dei cittadini per chiedere il ritiro dei rifiuti ingombranti».

09/02/2009 11.50