Isernia-Castel di Sangro, arrivata l'approvazione dell'Anas

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

977

L'AQUILA. Soddisfatta la presidente Pezzopane per la conclusione dell'iter del progetto preliminare, approvato dall'Anas nei giorni scorsi, per l'opera viaria che collegherà l'Abruzzo al Molise e quindi alla Campania.

Il progetto da 130 milioni di euro servirà a completare la strada a scorrimento veloce Isernia - Castel di Sangro e già fra sei mesi si vedrà l'inizio dei lavori.
«L'incompleta», ha spiegato la Pezzopane, «che attendeva da anni l'ultimo atto, è stata una delle nostre priorità nel momento in cui, con Antonio Di Pietro, allora Ministro delle Infrastrutture, individuammo gli interventi irrimandabili da ammettere a finanziamento, grazie anche alla collaborazione della Regione».
Pezzopane è preoccupata, invece, per l'intoppo in cui è incappato il Comune di Gioia Dei Marsi per quanto riguarda l'appalto per l'intervento viario sulla frana di Acque Vive, della ex Statale 83 Marsicana.
Il ricorso sul bando allunga ulteriormente i tempi della soluzione e la Provincia purtroppo, non essendo titolare del finanziamento di 1 milione e seicentomila euro assegnati dalla regione al Comune, può solo limitarsi agli interventi di emergenza attraverso la parziale rimozione del terriccio che invade la carreggiata.
«La pioggia complica le cose in questa stagione», continua la presidente, «e un intervento più incisivo da parte nostra sarebbe impossibile perché correremmo il rischio di creare nuovi squilibri sul movimento franoso, che per essere arginato in maniera sicura ha bisogno di interventi strutturali, per i quali, non a caso è stata stanziata una somma ingente. C'è bisogno di misure di contenimento e di consolidamento prima di intervenire a valle della frana. Siamo pertanto obbligati ad attendere che l'iter per l'appalto giunga al termine e si verifichino i termini del ricorso».
Nel frattempo la Provincia continuerà a garantire l'accessibilità minima alla strada.

04/02/2009 16.25