Emergenza Sanità, Cialente vuole incontrare Redigolo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

815

L'AQUILA. Nella sua qualità di presidente del comitato dei sindaci del comprensorio aquilano, il primo cittadino dell'Aquila, Massimo Cialente, ha inviato una nota al commissario per la sanità in Abruzzo, Gino Redigolo.

Cialente ritiene «utile e necessario» un incontro «urgente» con il commissario, «per comprendere appieno le ipotesi e le possibili conseguenze delle azioni che si intendono intraprendere per il rispetto del cosiddetto "Piano di risanamento del deficit sanitario abruzzese", in riferimento all'Asl dell'Aquila».
Cialente si dice «pienamente consapevole» di una certa «irritualità istituzionale» della sua richiesta, considerando i ruoli di entrambi, «ma registro da tempo», assicura, «un crescente allarme e una sempre più marcata preoccupazione tra gli operatori sanitari e soprattutto tra i cittadini, in relazione a notizie e ipotesi che compaiono su organi di informazione, in particolare per quel che riguarda la questione dell'ospedale dell'Aquila».
Per Cialente qualsiasi ipotesi di riorganizzazione o altri interventi richiesti dal Piano di risanamento «dovranno in ogni caso essere analizzati e discussi dal predetto Comitato dei sindaci».
Il comitato, assicura il primo cittadino, si rapporterà con il nuovo assessore regionale alla Sanità Lanfranco Venturoni.
04/02/2009 9.49

LE PREOCCUPAZIONI DELLA PEZZOPANE

«Quello che si sta delineando per l'ospedale aquilano è un piano perverso, che se applicato aggraverà ancora di più una situazione pesante, che tormenta l'intero territorio provinciale», ha detto la presidente della Provincia Stefania Pezzopane.
«L'accorpamento dei reparti e delle unità operative, previsti nel piano del manager aquilano Marzetti, i numerosi disservizi e le carenze riscontrate in questo e in altri ospedali del territorio provinciale, Avezzano, Sulmona e Castel di Sangro, ci impongono un'azione energica nei confronti del Governo e della Regione».
La presidente chiede all'assessore Venturoni di andare a L'Aquila: «incontri le istituzioni locali e dica con chiarezza quale linea intende adottare».
Pezzopane chiede se «la Regione Abruzzo ha intenzione di ridurre l'impatto del piano di rientro sanitario, che lo stesso presidente Chiodi ha ritenuto troppo duro, o i manager della ASL hanno libero mandato di uccidere?»
Entro la prossima settimana la Pezzopane convocherà un incontro con i sindacati. «Subito dopo riunirò la Consulta provinciale della sanità, per discutere a 360 gradi della situazione sanitaria su tutto il territorio provinciale. Un incontro a cui invito a partecipare sin d'ora l'assessore regionale alla Sanità e tutti i consiglieri regionali eletti nel territorio».

04/02/2009 14.02