Educazione e sport per i ragazzi down: "Diversamente abili, ugualmente atleti"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1090

PESCARA. Ieri mattina nella sala dei Marmi della Provincia di Pescara è stato presentato il convegno "Diversamente abili ugualmente atleti" e il torneo interregionale di calcio a 5 per ragazzi down previsti per sabato 31 gennaio.


Le due iniziative sono promosse dalla Provincia di Pescara, dall'Istituto Tecnico Commerciale Aterno, dall'Associazione sportiva dilettantistica De Riseis e dall'Associazione Regionale Down Abruzzo (A.R.D.A., rappresentata dal neo presidente regionale, Pierluigi De Rosa) e vedono la partecipazione di diverse scuole della provincia (Istituto Aterno, Istituto d'arte Bellisario e i IPSAR De Cecco) impegnate a favorire il pieno inserimento dei ragazzi down attraverso progetti di gioco e sport.
Alla conferenza è intervenuto anche l'assessore alla Tutela sociale del cittadino Mauro Di Zio, il quale ha sottolineato come il torneo di calcio a 5 per ragazzi down rappresenti un esempio di sport «vero», capace di portare valori positivi.
La preside dell'ITC Aterno Donatella D'Amico, poi, ha parlato della scuola come luogo fondamentale per diffondere l'importanza del dialogo, dell'integrazione e della pace attraverso «la pratica dell'accoglienza e della valorizzazione di ragazzi che, seppure diversamente abili, danno un arricchimento maggiore a chi li circonda».
Il professor Giandomenico Palka, docente di genetica dell'Università "G. D'Annunzio" e collaboratore dell'Associazione Ragazzi Down Abruzzo ha voluto ribadire che, più del problema medico, ad incidere sulla vita dei ragazzi down è troppo spesso il problema dell'inserimento sociale, che può essere però combattuto con gli sport di squadra come il calcio, che favoriscono una forte socializzazione tra ragazzi.
Paolo De Angelis, rappresentante del Comitato per i Giochi del Mediterraneo 2009, ha portato la testimonianza dell'impegno del Comitato per l'ampliamento del numero di discipline sportive dedicate ai diversamente abili nel contesto dei Giochi del 2009, oggi limitato al nuoto e all'atletica leggera.
A chiudere l'incontro la testimonianza di due ragazzi dell'ITC Aterno, Maruska e Benedetto, che da settembre hanno intrapreso gli allenamenti insieme al gruppo di ragazzi down ed hanno espresso la loro gratitudine al professor Ruggero Visini, coordinatore delle attività connesse all'organizzazione del torneo, per averli coinvolti in un progetto che consente loro di interagire con persone capaci di trasmettere emozioni nuove e positive.
Al torneo in programma sabato pomeriggio dalle ore 15 nella palestra dell'I.T.C. Aterno, in via dei Sabini, vedrà, per la prima volta in Abruzzo, la partecipazione di rappresentative extraregionali provenienti da Lombardia, Toscana, Umbria, che gareggeranno accanto alla delegazione dell' Abruzzo.
30/01/2009 9.35