Acqua, Bilancio Sasi chiuso in perdita di 854 mila euro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

729

LANCIANO. Si e' chiuso con una perdita di 854mila euro, al lordo di 217mila euro di Irap, il bilancio 2007 della Sasi, la società che gestisce il ciclo idrico integrato in 76 centri della provincia di Chieti.

Il documento contabile e' stato approvato dall'assemblea dei sindaci nel corso dell'ultima riunione e ha registrato il parere favorevole della maggioranza delle amministrazioni comunali, di entrambi gli schieramenti politici.
«Si tratta - ha spiegato il presidente della società Gaetano Pedullà - di un bilancio di transizione, approvato con diversi mesi di ritardo perchè non erano stati ancora risolti una serie di problemi: a partire dall'adeguamento agli indici Istat della tariffa dei servizi, che era rimasta a 84 centesimi di euro per metro cubo dal 2003, senza tener conto dell'aumento dei costi di gestione. Basti pensare che nel 2007, rispetto all'anno prima, solo per l'elettricità abbiamo speso quasi 350mila euro in più».
La Regione ha portato la tariffa a 97 centesimi al metro cubo, che resta il costo più basso in Abruzzo.
«Questo adeguamento - ha aggiunto Pedullà - permetterà di azzerare le perdite e di migliorare ulteriormente il servizio ai nostri 160mila utenti».
Il secondo nodo da sciogliere era invece legato al pagamento dei canoni di affitto e degli ammortamenti da corrispondere alla Isi, la società cui i Comuni avevano trasferito nel 2003 la proprietà delle reti, che pesava sul bilancio della Sasi per un milione e 824mila euro.
Anche in questo caso la Regione ha riconosciuto che quelle somme non erano dovute, in quanto recenti modifiche legislative hanno trasferito la proprietà delle reti idriche al demanio regionale, prevedendo la concessione a titolo gratuito alle società di gestione.
30/01/2009 9.12