Mobilitazione del Sap Teramo: «non arrivano gli straordinari»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

849

TERAMO. Il sindacato autonomo di polizia (Sap) ha deciso la mobilitazione del personale iscritto della polizia stradale, polizia giudiziaria e delle volanti della Questura di Teramo. E il Coisp a Roma contro Lula.

Lo ha annunciato la segreteria provinciale con una nota in cui denuncia il mancato pagamento degli straordinari dei poliziotti da parte della Prefettura di Teramo.
Il problema era già stato denunciato dal Sap nei mesi scorsi ma, secondo il segretario provinciale Giampaolo Guerrieri, «ha ora toccato un limite di ritardo insopportabile».
La competenza per l'erogazione degli emolumenti è della Prefettura e il Sap denuncia che in Abruzzo «quella della provincia di Teramo è l'unica a non aver ancora pagato il lavoro straordinario dei poliziotti».
Nell'annunciare la mobilitazione, il sindacato aggiunge che si rivolgerà alla Direzione del ministero dell'Interno «per denunciare i cronici e gravi ritardi nei pagamenti della Prefettura».
«Lo stanziamento per tali somme – sottolinea il Sap – non è mensile, ma prestabilito e l'accreditamento tiene conto del monte ore assegnato a ogni ufficio di polizia». In pratica, secondo il sindacato, i soldi «c'erano e ci sono». La preoccupazione è quella di un «disagio economico per l'aumento del costo della vita. Lo straordinario - conclude il Sap - diventa per le famiglie dei poliziotti, come per tutti i dipendenti pubblici, sempre più determinante».


IL COISP MANIFESTA DI FRONTE L'AMBASCIATA BRASILIANA

Un altro sindacato di Polizia, il Coisp, invece, oggi alle ore 14.00 a Roma in Piazza Navona si radunerà di fronte l'ambasciata brasiliana per contestare la decisione del presidente Lula di non concedere l'estradizione di Cesare Battisti.
Nei pressi dell'ambasciata del Brasile simbolicamente verranno ricordati 4 omicidi commessi dall'ex brigatista rosso. «Se dovesse essere necessario - ha detto Franco Maccari, Segretario Generale del
Coisp - andremo fino in Brasile a spiegare al presidente Lula, quali sono i principi che regolano la reciprocità dei rapporti tra gli Stati e a spiegare quale è il nostro senso di giustizia e di onore per le
vittime innocenti».

22/01/2009 10.12