Controlli cantieri edili. A Montesilvano e Città Sant'Angelo, denunce e sanzioni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

853

MONTESILVANO. I carabinieri della compagnia di Montesilvano, del nucleo ispettorato lavoro, hanno controllato nei giorni scorsi 5 cantieri, riscontrando violazioni in materia di sicurezza sul lavoro.

I 5 cantieri si trovano nei comuni di Montesilvano e Città S.Angelo: i militari hanno riscontrato in alcuni di essi alcune violazioni di carattere penale per la violazione di norme in materia di sicurezza sul lavoro, tramutabili in sanzioni amministrative dietro pagamento delle sanzioni e ripristino delle condizioni di sicurezza.
In particolare, in un cantiere di Montesilvano, per la realizzazione di una palazzina di due piani, sono stati trovati tre operai intenti a lavorare sotto il pericolo di caduta di carichi pendenti, senza indossare i caschi di protezione (sanzione di 600 euro per operaio) e non era stata realizzata un'adeguata impalcatura o ponteggio per eliminare il pericolo di caduta di persone e di cose da un'altezza superiore ai 2 metri (sanzione di 1.250 euro).
In un altro cantiere di Città S.Angelo, per la realizzazione di una palazzina di 33 appartamenti, sono state invece trovati un'impalcatura che non era stata realizzata adeguatamente per eliminare il pericolo di caduta di persone e di cose da un'altezza superiore ai 2 metri (sanzione di 1.250 euro) e le aperture lasciate nei solai non erano circondate da normale parapetto o coperte da tavolato solidamente fissato (sanzione di 2.500 euro).
Gli altri cantieri sono invece stati trovati regolari.
Complessivamente sono stati controllati circa 25 operai, per i quali sono in corso gli opportuni accertamenti di verifica in materia di legislazione sociale (assunzioni, pagamento contributi, etc).
«I controlli», ha spiegato il comandante provinciale Giovanni Esposito Alaya, «che saranno ripetuti anche nelle prossime settimane, mirano a contrastare il fenomeno degli infortuni sul lavoro e delle "morti bianche", per i quali l'Italia detiene il non invidiabile primato in Europa».

14/01/2009 14.29