Di Giuseppantonio su Radio Rai 1 rilancia i parcheggi autostradali

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1185

FOSSACESIA. Trova nuovi sostenitori il progetto dei parcheggi di scambio presso i caselli autostradali, lanciato circa due mesi fa dal sindaco di Fossacesia.

Ieri, infatti, Enrico Di Giuseppantonio è stato invitato a presentare questa iniziativa anche su Radio Rai Uno ed ha partecipato ad un dibattito sulla gestione delle autostrade durante il programma di Ilaria Sotis “La radio ne parla”, in cui sono intervenuti docenti universitari, dirigenti ministeriali e rappresentanti dell'AISCAT, l'Associazione Italiana dei Concessionari di Autostrade.
Il progetto prevede la creazione di aree di parcheggio in corrispondenza dei caselli autostradali, in cui gli automobilisti possano posteggiare le loro auto ed i mezzi pubblici effettuare fermate.
Il Comune di Fossacesia ha già compiuto i primi passi per la realizzazione dell'opera, inserendo nel programma triennale delle opere pubbliche un investimento pari a 400 mila Euro per trasformare in parcheggio un'area nei pressi del casello autostradale.
L'obiettivo è fornire un modello operativo di riferimento agli altri comuni abruzzesi attraversati dalle autostrade.
«La nostra idea rappresenta una risposta efficace sia contro il “caro benzina” che contro il “caro benzene” nelle nostre città – ha spiegato Enrico Di Giuseppantonio – Infatti, le aree di parcheggio all'uscita delle grandi arterie di comunicazione possono favorire soluzioni positive per i trasporti nelle nostre città, a partire da un maggior uso dei mezzi pubblici fino al cosiddetto “car pooling”, cioè l'accordo per condividere la stessa auto da parte di più persone che lavorano insieme».
In questi due mesi Di Giuseppantonio ha già preso contatto con i sindaci di quei comuni del chietino che hanno sul proprio territorio un casello autostradale: Chieti, San Giovanni Teatino, Francavilla al Mare, Ortona, Rocca San Giovanni e Casalbordino.
Ma la sua iniziativa mira a coinvolgere i soggetti interessati alla realizzazione di queste infrastrutture ed anche quelli che dovranno fornire i servizi necessari: quindi gli enti locali, la Società Autostrade, l'ANAS e le società di trasporto pubblico locale. Il prossimo passo sarà perciò la definizione di una serie di incontri tra tutti i soggetti interessati.
«Oggi è d'attualità il tema della mobilità sostenibile – ha continuato – Con il progetto dei parcheggi di scambio possiamo dare un contributo concreto a questo obiettivo. Sono felice di aver potuto presentare questa iniziativa anche in una sede di rilievo nazionale. Il mio auspicio, certamente ambizioso, è che la nostra idea possa essere apprezzata in tutta Italia, per offrire servizi migliori a tutti i nostri connazionali».
23/12/2008 14.36