Il sindaco Monticelli contro il «mostruoso termovalorizzatore»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2822

PINETO. L’amministrazione comunale di Pineto adesso deve fare i conti con una richiesta per la realizzazione di un termovalorizzatore. «Il progetto non passerà in alcun modo».
Dopo la PetrolCeltic, il colosso irlandese che vuole realizzare una piattaforma per l'estrazione di idrocarburi al largo delle coste, e all'Eni Spa, altro gigante energetico che vuole installare un pozzo petrolifero ai confini tra la popolosa frazione pinetese di Mutignano e il Comune di Atri, adesso arriva la proposta avanzata da un privato di realizzare un termovalorizzatore.
Una settimana fa agli uffici competenti del Comune per conoscenza è stato depositato il progetto della Said Sas, dell'imprenditore locale Lino Di Giosia, per la costruzione di un termovalorizzatore che sarà in grado di produrre 3 Megawatt di energia elettrica da rivendere poi al gestore principale di distribuzione sul territorio di energia.
Secondo il progetto, che è stato presentato ufficialmente alla Regione, sorgerebbe nella zona di Torre San Rocco, a confine con l'area industriale di Scerne di Pineto, a poche centinaia di metri da un'area di servizio e dai pozzi del Vomano che vengono utilizzati all'occorrenza per la distribuzione di acqua potabile.
L'impianto verrebbe alimentato principalmente utilizzando pneumatici vecchi. Ma in base al progetto, risulta che la struttura possa funzionare anche bruciando rifiuti non biodegradabili, carta e cartone, plastica, imballaggi vari, materiale di risulta in genere. La combustione di tutto ciò assicurerebbe la produzione di energia.
«Non permetteremo mai che un simile mostro», sostiene l'assessore all'ambiente Nerina Alonzo, «possa sorgere nel nostro territorio. Stiamo portando avanti delle battaglie ambientali, abbiamo un'area marina protetta, ci stiamo impegnando al massimo per rendere questa città a misura d'uomo e sempre più vivibile. L'idea di un termovalorizzatore significherebbe la fine di Pineto, mettere a rischio una popolazione. Non dimentichiamoci che certi materiali producono diossina che va poi a depositarsi sui vegetali, nei campi circostanti. Potranno magari adottare tutti i sistemi di sicurezza. Ma la certezza che non possa mai accadere un disastro ambientale non ce la dà nessuno».
Questa mattina il sindaco Luciano Monticelli ha immediatamente allertato i tecnici del comune e gli amministratori affinché la proposta della Said non vada avanti.
Ha messo in moto tutta la macchina, chiedendo inoltre un immediato vertice con i responsabili di settore della Regione.
«So perfettamente che la competenza è della Regione», ha spiegato il primo cittadino, «ma chiediamo sin d'ora la convocazione di una conferenza dei servizi, di un tavolo di confronto per far valere la nostra posizione. Posso assicurare i cittadini che un simile progetto non passerà mai nella nostra città. Non saremo noi quelli che faranno morire Pineto per mano di un termovalorizzatore».
23/12/2008 13.00