Operazione "Free roads": 7 arresti per prostituzione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2610

Operazione "Free roads": 7 arresti per prostituzione
SILVI. I carabinieri della compagnia di Giulianova hanno arrestato 7 cittadini romeni che controllavano un vasto giro di prostituzione su strada a Silvi Marina.
Ieri il Gip ha convalidato i fermi. Fondamentale un carabiniere donna che ha convinto le schiave del sesso a denunciare gli aguzzini.
I Carabinieri di Silvi Marina in collaborazione con gli uomini del nucleo operativo di Giulianova, giovedì scorso hanno inferto un nuovo duro colpo alla criminalità organizzata romena, dedita al favoreggiamento ed allo sfruttamento della prostituzione nel comune di Silvi.
Già l'anno scorso l'operazione dello stesso tipo "Noi sclave", aveva portato all'arresto di numerosi componenti di una grossa organizzazione sempre di nazionalità romena e, l'operazione Free Roads rappresenta un proseguimento della precedente.
Le indagini dei militari sono state lunghe e complesse e non si escludono ulteriori sviluppi.
Mesi di pedinamenti, appostamenti e raccolta di informazioni, anche da parte di cittadini che hanno voluto aiutare i carabinieri.
Fondamentale è stata la capacità dei militari che sono riusciti a conquistare, giorno dopo giorno, la fiducia da parte di alcune giovanissime donne sfruttate.
Le prostitute hanno così trovato il coraggio di consegnare le proprie vite nelle mani del comandante Antonio Tricarico ed in quelle del luogotenente Antonio Longo.
E' stata determinate la presenza di un giovane carabiniere donna, con le quali le schiave del sesso hanno trovato un "feeling" importante.
Una ricostruzione lunga e minuziosa dei movimenti degli aguzzini ha permesso di individuare il modus operandi attuato dall'organizzazione per la gestione delle ragazze.
Tre di queste giovedì hanno deciso di compiere l'ultimo passo verso una nuova vita, libera, ed ora sono sottoposte a programma di protezione.
Le indagini hanno permesso di individuare altre 11 ragazze che erano sottoposte a sfruttamento da parte dei 7 arrestati.
Numeroso ed interessante il materiale rinvenuto e sequestrato dai militari nel corso della perquisizione eseguita nel covo dell'organizzazione a Silvi Marina.

RAGAZZE SFRUTTATE E CONTROLLATE

L'organizzazione smantellata era composta da Romeo Gigi Closca, 29enne romeno e sua moglie Alina Elena Raducanu, 21enne romena. I due si preoccupavano degli aspetti relativi al reclutamento, alla sistemazione ed alla rotazione delle donne
La cassiera del gruppo era Ionela Leucadia Lazar, 21enne romena. Lei ritirava il denaro guadagnato dalle prostitute in modo da non destare sospetto con l'eventuale contatto da parte degli altri uomini dell'organizzazione. L'autista accompagnatore un tale di nome Nicolae Razvan, 25enne romeno. Tre i controllori: Nelutu Closca di 31 anni, Sandu Closca di 24 anni e Sandu Pantazi di 32 anni.
Le ragazze sfruttate erano costrette ad eseguire prestazioni sessuali a tempo determinato e sottoposte ad un continuo controllo da parte dei "controllori" circa il loro operato.

SINDACO SODDISFATTO

«Mi congratulo e ringrazio a nome di tutta la città di Silvi gli uomini dell'Arma dei Carabinieri», ha commentato il sindaco di Silvi Gaetano Vallescura. «E' il risultato importante di un lavoro tenace e stremante che i Carabinieri di Silvi stanno facendo da diverso tempo e questo sarà solo l'inizio di una battaglia che darà ancora duri colpi alle organizzazioni criminali che stanno macchiando l'immagine di Silvi. Ora mi attendo punizioni esemplari».
«Non ci fermeremo qui e andremo avanti», ha assicurato il primo cittadino. «Da giorni ho fatto intensificare i controlli dalla Polizia Municipale nel quartiere Piomba che ultimamente ha rivisto riaffiorare il fenomeno in maniera impressionante. Tra qualche settimana inizieranno servizi di pattugliamento straordinari dei vigili urbani per tutelare e vigilare nella zona più soggetta al fenomeno anche al fine di scoraggiare i clienti».

06/12/2008 12.40