368.735 euro di indennità per otto dirigenti. La Provincia di Pescara smentisce

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

4970

368.735 euro di indennità per otto dirigenti. La Provincia di Pescara smentisce
PESCARA.Per i dirigenti della Provincia di Pescara nel 2008 si spenderanno: 368.735 euro. In tutto sono 8 i dirigenti. Un buon Natale di sicuro meritato. IL SEGRETARIO GENERALE:«PRIMADANOI.IT SFORNA CIFRE IPERBOLICHE E FALSE»
276.552 è il totale che spetterà per la posizione, altri 92.184 per i risultati ottenuti.
Così i dirigenti provinciali prenderanno in media cadauno più di 45 mila euro.
«La busta paga di 250 mila euro annui del super dirigente Mario Collevecchio, per esempio», spiega Lorenzo Buccella del sindacato Csa, «doveva essere onnicomprensivo, invece ogni volta esce fuori qualcosa di nuovo».
Al dirigente del settore Politiche del Lavoro, Formazione, Professionalità e Attività Produttive andranno invece 35.444 euro.
Stessa cifra ai dirigenti del settore Economico Finanziario, quello dello Sviluppo del Territorio, Viabilità e Patrimonio.
32.644 euro saranno dati al dirigente del settore Pubblica Istruzione ed Edilizia Scolastica; 34.394 ai settori Tutela Ambientale, Affari Istituzionali e Innovazione, Valorizzazione e Gestione delle Risorse Umane, Affari Culturali, Biblioteca, Turismo e Politiche Sociali.
Sono queste le retribuzioni annuali.
«Ci sono poi altri 92.184 euro (retribuzione di risultato) da distribuire sempre tra questi dirigenti»; spiega Buccella «in proporzione al numero di dipendenti che lavorano nei singoli settori».
Ma questo non è l'unico provvedimento contestato dal sindacato autonomo che in questi giorni sta raccogliendo le firme per sfiduciare le organizzazioni sindacali «che ormai non ci rappresentano più», aggiunge Buccella.
La raccolta di firme va avanti: si è arrivati a quota 135, ne servono almeno 161 per arrivare alla metà più uno tra tutti i dipendenti a tempo indeterminato della Provincia «e poi richiedere nuove elezioni».

SPORTELLO BENESSERE… PER CHI?

Tra gli altri argomenti delicati ci sarebbe l'attivazione dello sportello Benessere e un concorso dell'estate scorsa per reclutare 5 incarichi esterni nell'ambito del progetto Agenda 21.
Nel primo caso si tratta di un progetto partito la scorsa primavera: psicologi e medici a disposizione per cercare di risolvere i motivi di malessere, stress e ansia, cattiva comunicazione interna e carenza di sicurezza tra gli uffici.
«E' uno sportello aperto un paio d'ore al giorno il lunedì e il mercoledì, mai decollato e per di più attrezzato al terzo piano di Palazzo dei Marmi che l'Asl aveva dichiarato inagibile».
«Questo “giochino”», continua Buccella, «costa alla Provincia circa 60 mila euro all'anno ma ho chiesto di avere le carte per sapere quanto ci è costato il tutto».
Sul concorso della scorsa estate per i 5 incarichi ad esterni il dipendente del settore Informatico è ancora più duro: «non c'è stata né concertazione né una informativa sindacale. In Provincia lavorano più di 500 dipendenti con alte professionalità ma l'Ente continua a chiamare gente da fuori».

04/12/2008 9.40 (modificato il 05/12/2008 9.50)

IL SEGRETARIO GENERALE:«PRIMADANOI.IT SFORNA CIFRE IPERBOLICHE E FALSE»

In tarda mattinata arriva anche la replica della Provincia per mano del segretario generale Sergio Iezzi.
«Sul sito internet della Provincia di Pescara», spiega Iezzi, «sono a disposizione di tutti i cittadini gli elenchi relativi alle consulenze attivate dalla Provincia di Pescara nel corso del 2007. Ciò in base a un preciso dettato di legge. Nella tabella pubblicata, che comprende anche i compensi dei dirigenti dell'ente, si evince con chiarezza quanto sideralmente lontane siano le loro retribuzioni dalle cifre fantasiose riportate da PrimaDaNoi.it»
«Non è affatto vero che la busta paga dei dirigenti sia di 250mila euro annui», sostiene il segretario, «a fronte di una previsione contrattuale pari a 42.869,47 euro, la massima “retribuzione di posizione” di un dirigente della Provincia di Pescara non supera i 35.444 euro, dunque significativamente al di sotto della soglia contrattuale. Lo stipendio di un dirigente, come spiegato con chiarezza sullo stesso sito della Provincia», continua Iezzi, «è il frutto del combinato tra questa voce della retribuzione e quella “di risultato”, erogata previa attenta e rigorosa valutazione di un organismo terzo (il Secin,
servizio di controllo interno) che a ciascun dirigente assegna un punteggio sulla base delle attività svolte e sui risultati conseguiti. Tale voce non può superare, comunque, i 35.444 euro lordi. Sarebbe bastato accedere alla pagina in questione della Provincia per leggere come le retribuzioni (lorde) dei suoi dirigenti siano tre volte più basse di quelli che paiono essere numeri dati a caso».

Il segretario generale dell'ente fa riferimento specifico a questa tabella che per un pelo è ancora in home page.
Non sfugge ai lettori attenti di come si stia parlando di dirigenti la cui retribuzione, tuttavia, dovrebbe essere in una tabella dedicata ai consulenti.
E nella tabella, infatti, la trasparenza tanto decantata si riduce ad appena un rigo (l'ultimo) nel quale si riportano le cifre (due).

04/12/2008 13.35

PRECISAZIONI

«Quando parlavo di retribuzione di 250 mila euro», ha precisato lo stesso Buccella del sindacato Csa, «mi riferivo chiaramente al super dirigente Mario Collevecchio. Per lui il contrato onnicomprensivo prevede 250mila euro. Tuttavia percepirà quest'anno emolumenti aggiuntivi per 50mila euro. Gli altri dirigenti si divideranno i premi per oltre 90mila euro».
368 mila euro dunque sono il totale delle indennità corrisposte ai dirigenti della Provincia.

La cifra però viene smentita dallo stesso dirigente Collevecchio.
«Non ho mai guadagnato la cifra che mi viene atrtibuita», ha dichiarato Collevecchio, «il mio contratto, invece, fermo al 2002 prevede un trattamento economico onnicomprensivo lordo di 141mila euro,oltre un premio di produttività fissato nel massimo del 15%. Le cifre riportate nel vostro articolo, anche se attribuite ad altri sono di pura fantasia».