Pescherecci sequestrati in Croazia: processati e condannati

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2655

Pescherecci sequestrati in Croazia: processati e condannati
PESCARA. Sono stati sequestrati ieri mattina due motopescherecci della flotta pescarese da parte di una motovedetta croata, al limite delle acque internazionali, a largo dell'isola di Vis.
A dare la notizia è stato il sindaco di Pescara, Luciano D'Alfonso, che ha scritto al presidente della Repubblica della Croazia chiedendo di «ricomporre in modo bonario» la questione «in nome dell'amicizia e dei rapporti di cooperazione che legano i due Paesi».
I due motopescherecci sono "Sharon", del comandante Bruno Di Giovanni e "Erminio Padre" del comandante Carlo Orsini.
Le due imbarcazioni, secondo le informazioni in possesso del sindaco, sono state trasportate ieri sera nel porto di Vis e questa mattina i comandanti saranno processati per direttissima.
«Presidente - scrive il sindaco - la situazione che stanno attraversando le nostre marinerie è molto critica per via del costo del gasolio, che ha messo in ginocchio tutto il settore della pesca in Adriatico, soprattutto in Abruzzo».
Il sindaco ha scritto anche agli ambasciatori Croato in Italia e Italiano in Croazia e si è proposto come garante per gli equipaggi coinvolti.
20/11/2008 10.10

CONDANNATI AD UNA ELEVATA SANZIONE E LA CONFISCA DELLA ATTREZZATURA

Sono stati processati e condannati nel pomeriggio a Lissa (Croazia) i componenti dell'equipaggio
dei due motopescherecci della marineria pescarese, sequestrati da unità militari croate per presunta attività di pesca all'interno delle acque croate.
Secondo quanto appreso dalla capitaneria di porto di Pescara, i comandanti e gli equipaggi sarebbero stati condannati al pagamento di una elevata sanzione amministrativa e alla confisca dell'intera attrezzatura di pesca e del pescato. Solo al pagamento della multa le autorità croate autorizzeranno il rientro in Italia.
Al rientro dei motopesca, la Capitaneria abruzzese provvederà ad accertare i fatti con l'avvio dell'inchiesta amministrativa per individuare eventuali responsabilità.

20/11/2008 19.05