Castelvecchio Subequo: la Provincia sblocca i lavori per il centro sportivo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

685

L’AQUILA. È stato siglato ieri il contratto per il via ai lavori di completamento del centro sportivo di Castelvecchio Subequo.

Nella sede della Provincia dell'Aquila erano presenti la presidente Stefania Pezzopane, i rappresentanti della ditta Palumbo SaS di Pescara, che si è aggiudicata l'appalto, l'Ing. Sandro Perfetto, progettista dei lavori e l'Ing. Vincenzo Mazzotta della Provincia dell'Aquila.
Grazie ad uno stanziamento di 411.727, 22 euro verrà completato e messo in sicurezza l'edificio già esistente, ma mai completato.
La realizzazione della struttura, che in base al progetto originario, avrebbe dovuto ospitare una piscina e una palestra, risale al 1988.
I lavori, mai completati, rimasero al palo per anni e nel 1998 l'allora Amministrazione provinciale si vide costretta a rescindere il contratto in danno con la ditta inadempiente.
Dopo anni di totale abbandono, i lavori possono riprendere. Il nuovo intervento prevede il consolidamento e la messa in sicurezza della struttura esistente, aggiornandone l'uso.
I lavori serviranno a rendere agibile da subito la palestra, che sarà completata e dotata dei principali servizi.
Al posto della piscina sarà realizzata, con un intervento successivo, una sala convegni, ritenuta più adatta alle esigenze dell'utenza locale.
L'area esterna al complesso sarà interamente bonificata.
«Abbiamo portato a termine un impegno che avevamo assunto con i cittadini di Castelvecchio alcuni mesi fa- ha commentato la presidente Pezzopane- Un intervento atteso da tempo. La struttura sarà al servizio non solo dei cittadini di Castelvecchio, ma anche dell'intera valle Subequana».
«Finalmente si rimette mano ad una struttura, abbandonata e che versava da anni in stato di degrado – ha commentato il sindaco Amorosi- Iniziative come queste sono incoraggianti per migliorare la qualità della vita, in un centro della Valle Subequana, che rischia sempre più lo spopolamento».
07/11/2008 10.42