A Vasto consiglio comunale: non c’è il prg e l’opposizione abbandona

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

902

VASTO. Ieri pomeriggio il Consiglio Comunale ha approvato tutti i punti che figuravano nell'ordine del giorno.
Tra i punti che sono passati anche quelli presentati dai consiglieri della maggioranza contro il Decreto Gelmini e per il sostegno del potenziamento dei servizi Telecom nel quartiere dell'Incoronata, relativamente al sistema Adsl.
A darne notizia è stato il presidente dell'Assise Civica, Giuseppe Forte.
Nel corso dei lavori, durati meno di cinque ore, il primo punto all'ordine del giorno, quello relativo alla istituzione dell'autorità d'ambito per la gestione integrata dei rifiuti, è stato approvato con i voti dei soli rappresentanti della maggioranza.
Il consigliere Riccardo Alinovi ha votato contro.
I rappresentanti delle minoranze, invece, non hanno partecipato al voto.
All'unanimità, invece, è stata approvata sia la lottizzazione delle nuove aree per la realizzazione di loculi cimiteriali che la trasposizione delle scarpate relativamente alla modifica in località San Nicola così come disposto dall'Autorità di Bacino.
Contestazioni sono arrivate da parte di Alleanza Nazionale perchè «disattendendo l'impegno preso lo scorso 24 giugno», non si è inserito all' ordine del giorno, la discussione delle osservazioni alle Norme Tecniche attuative del Piano Regolatore.
«Tutto ciò – ha spiegato il consigliere Sigismondi – ha suscitato la protesta di noi consiglieri d'opposizione. L'amministrazione Lapenna ha compiuto un gesto grave, prima nei confronti della città, e poi nei confronti dei Consiglieri comunali, non tenendo in considerazione quanto richiesto sia dalla maggioranza di centrosinistra, che dall'opposizione di centrodestra».
«Ciò che è ancora più grave – incalza il capogruppo del Pdl è che i cittadini non hanno ancora ottenuto delle legittime risposte alle proprie osservazioni».
30/10/2008 17.46