Distretto del Benessere, spesi i primi 300 mila euro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

982

CARAMANICO TERME. Lo scorso 25 maggio 2006, a Caramanico Terme, i sindaci di 13 comuni del comprensorio hanno costruito l'azienda consortile per il distretto abruzzese del benessere.

Adesso può considerarsi concluso l'iter avviato tre anni fa. La Giunta Regionale, nella seduta del 9 ottobre scorso, ha concesso al Distretto un primo finanziamento di 300 mila euro per le attività iniziali previste dal Piano Industriale.
80 mila euro sono stati impiegati per l'allestimento e funzionamento delle sedi Caramanico Terme, Popoli e Sulmona, altri 80 mila per opere di "attività operativa specifica".
60 mila euro sono stati investiti in marketing territoriale, accordi con tour operator, pubblicità, fiere e esposizioni. 25 mila euro sono andati per un nuovo portale e 55 mila euro per attività di promozione audio-viceo.
Il costo del progetto, che nella fase iniziale è sostenuto per il 75% dalla Regione Abruzzo, è di complessivi 390mila euro.
Altri fondi sono, poi, attesi dal Governo centrale, «per affermare definitivamente», hanno spiegato gli addetti ai lavori, «un progetto che, per la prima volta, supera i localismi e mette in rete le risorse della terra dei Parchi. Dalle acque termali, al farro, dai confetti, alle mozzarelle, dai tholos agli eremi, dai castelli ai lupi. Per il benessere del corpo e dell'anima».
Il coordinamento del progetto è affidato all'architetto Mario Mazzocca, sindaco di Caramanico Terme.
«Il distretto del benessere si legge nel comunicato stampa è il primo del genere in Italia. Il progetto mira a superare i confini del tradizionale turismo termale e costruire un'interazione tra Regione Abruzzo, enti locali, attività produttive, scienza e cultura in linea con le implicazioni di una economia basata sulla conoscenza.
Il progetto prevede la valorizzazione del patrimonio rurale e storico culturale e il sostegno alle attività economiche, sociali, ambientali e culturali, sulla scorta di un sistema integrato che si ispira al modello del distretto industriale».

27/10/2008 12.14