Il tribunale:«giusto non reintegrare sei lavoratori alla Camera di Commercio»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1154

PESCARA. Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Pescara ha rigettato, con sentenza del 2 ottobre 2008, i ricorsi proposti contro la Camera di Commercio di Pescara da sei ex-dipendenti delle Aziende speciali Asip e Stat.
L'Ente Camerale, successivamente alla messa in liquidazione delle due aziende speciali, aveva, infatti, rifiutato la richiesta dei lavoratori di procedere alla loro automatica assunzione, nei ruoli camerali, senza il rispetto del principio di accesso al pubblico impiego mediante concorso.
La sentenza costituisce, per l'Ente Camerale, «un'ulteriore conferma della correttezza del comportamento adottato già, peraltro, confortato, in precedenza, dal disposto dall'art. 76, comma 8, del decreto legge 112/08».
Il comma stabilisce, infatti, che «Il personale delle Aziende speciali create dalle Camere di Commercio non può transitare, in caso di cessazione di attività delle aziende medesime, alle Camere di Commercio di riferimento, se non previa procedura selettiva di natura concorsuale e, in ogni caso, a valere sui contingenti di assunzioni effettuabili in base alla normativa vigente. Sono disapplicate le eventuali disposizioni statutarie e regolamentari in contrasto con il presente articolo».
Un articolo che vale ovviamente per tutte quelle aziende speciali degli enti pubblici che sono attorniati sempre di più da aziende speciali che spesso operano sul mercato come enti economici pur sopravvivendo solo grazie alla erogazione dei soldi pubblici.
Proprio in virtù di questa veste “privatistica” il personale –secondo una consuetudine consolidata- viene assunto senza seguire le regole stringenti che valgono per gli enti pubblici.
Salvo poi chiedere il trasferimento dalle aziende speciali in altre mansioni all'interno degli enti pubblici di riferimento e diventare a tutti gli effetti un “dipendente pubblico” senza aver mai superato una selezione pubblica che rimane obbligatoria per gli altri.

08/10/2008 10.10